Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Grecia estende il muro al confine turco: «I migranti dall’Afghanistan? La frontiera resterà inviolabile»

La barriera, lunga 40 chilometri, è dotata di un rigido sistema di sorveglianza. Il ministro Chrisochoidis: «La crisi a Kabul aumenterà i flussi migratori, non possiamo aspettare passivamente»

Mentre in Afghanistan la popolazione civile tenta disperatamente la fuga, in Grecia si alzano muri per contrastare l’arrivo di «possibili flussi di migranti» dal Paese scosso dalla salita al potere dei talebani. La barriera, lunga 40 chilometri (dai 12 iniziali) e dotata di sistemi di sorveglianza, è stata alzata al confine con la Turchia. Nei giorni scorsi, il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva dichiarato che «se non vengono prese le misure necessarie in Afghanistan e in Iran, sarà inevitabile una nuova ondata di migrazioni» verso l’Europa e rappresenterà «una seria sfida per tutti». Il ministro greco per la Protezione dei cittadini, Michalis Chrisochoidis, a margine di una visita nella regione di Evros, ha commentato: «Non possiamo aspettare passivamente, i nostri confini resteranno inviolabili», osservando che la crisi afghana ha creato nuove «possibilità per nuovi flussi di migranti» in Europa. 


La Grecia e la crisi migratoria del 2015

La Grecia fu in prima linea durante la crisi migratoria del 2015 quando oltre un milione di persone in fuga dalla guerra e dalla povertà in Medio Oriente passarono dal confine turco per entrare nell’Unione europea. Nel 2020, il governo di Atene aveva temporaneamente bloccato le domande di asilo dopo le dichiarazioni del presidente Erdoğan, che aveva detto che la Turchia aveva «aperto i confini» ai migranti per permettere loro di spostarsi verso l’Unione europea. Già allora la risposta della Grecia fu netta. Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis dichiarò che il Paese aveva aumentato «al massimo livello i propri sistemi di deterrenza», per scoraggiare il superamento dei confini tra Turchia e Grecia da parte dei migranti, schierando soldati e truppe proprio nella regione di Evros.


Foto in copertina: Twitter / @ajplus

Continua a leggere su Open

Leggi anche: