Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Spd vince le elezioni in Germania, ora parte la trattativa per il governo

Scholz chiede la guida del governo: «I cittadini hanno scelto il loro cancelliere». Cdu e Spd sulle coalizioni: «Accordo entro Natale»

Secondo i risultati provvisori della commissione elettorale tedesca il Partito Socialdemocratico tedesco (Spd) ha vinto le elezioni politiche in Germania con il 25,7% dei voti. Il blocco conservatore Cdu/Csu è secondo con il 24,1% dei consensi. Al terzo posto i Verdi con il 14,8%, seguiti dai liberali di Fdp con l’11,5%. Alternativa per la Germania (AfD) è invece al 10,3%. Die Linke si trova al 4,9%, non supera la soglia di sbarramento del 5% ma entra egualmente al Bundestag perché ha vinto tre sfide uninominali. Gli altri partiti raccolgono complessivamente l’8,7 per cento. Rispetto alle elezioni del 2017 la Spd guadagna 5,2 punti, Cdu/Csu ne perde 8,8. I Verdi aumentano i consensi del 5,9%, Fdp cresce dello 0,8%. Afd perde 2,3 punti percentuali, Die Linke 4,3.


I risultati provvisori

Nelle proiezioni delle 18:48 della Ard, si descriveva un testa a testa fra i socialdemocratici dell’Spd al 24,9% e i cristiano democratici della Cdu/Csu al 24,7%. I Verdi erano dati al 14,8%, i liberali dell’Fdp all’11,2%, l’ultradestra di Alternative für Deutschland (Afd) all’11,3% e la sinistra di Linke al 5%. Le proiezioni della Zdf più aggiornati, invece, davano i socialdemocratici in vantaggio con il 26% dei voti e i cristiano-democratici a seguire con il 24,5%. Gli exit poll pubblicati appena dopo la chiusura dei seggi davano la Cdu e l’Spd entrambi al 25%, i Verdi al 15%, l’Afd all’11%, i liberali all’11% e la sinistra al 5%. I seggi sono stati aperti stamattina 26 settembre alle ore 8:00 e si sono chiusi alle 18:00.


Le possibili coalizioni

Per quanto riguarda il numero dei seggi al Bundestag, l’Spd è in lieve vantaggio. Stando alle proiezioni di Ard, su un totale di 730 seggi i socialdemocratici ne ottengono 202, la Cdu-Csu 197, i Verdi 110, i Liberali dell’Fdp 93, l’ultradestra Afd 87 e Linke 40. Se dovesse confermarsi questo scenario, la coalizione rosso-rosso-verde (Spd, Linke, Verdi) non otterrebbe la maggioranza assoluta fermandosi a 352 seggi – e quindi sarebbe esclusa. Tra le opzioni restano la Giamaica (Cdu-Csu con Fdp e Verdi) e la Grosse Koalition (Spd, Fdp e Verdi), che però l’Spd ha già detto di non volere. In ogni caso, Cdu e Spd vogliono che la nuova coalizione si formi prima di Natale.

L’esultanza dell’Spd

Stando invece ai primi exit poll pubblicati dall’altro canale Tv Zdf, in vantaggio ci sarebbe l’Spd di Olaf Scholz al 26%, seguito dall’Unione di Armin Laschet al 24%. Alla vista dei dati, c’è stata un’esultanza nella sede dell’Spd a Berlino. «Abbiamo sempre saputo che sarebbe stato un testa a testa, con uno scarto molto ridotto», ha detto il segretario generale dei socialdemocratici, Lars Klingbeil. «Ma abbiamo un chiaro mandato per l’Spd e vogliamo che Scholz sia cancelliere». «Sono contento del risultato», ha commentato Scholz. «Sarà una lunga serata, ma è chiaro che i cittadini vogliono un cambiamento, e che il prossimo cancelliere si chiami Olaf Scholz».

Delusione nella Cdu

Se gli exit poll delle elezioni in Germania venissero confermati, per l’Unione dei conservatori tedeschi della Cdu-Csu sarebbe il peggior risultato della storia a livello federale. Finora l’Unione non è mai scesa sotto il 30%: il risultato peggiore è stato il 31% ottenuto alle prime elezioni a cui ha partecipato nel Secondo Dopoguerra, nel 1949, seguito dal 32,9% registrato nel voto di quattro anni fa. E tra le fila del partito c’è inevitabile delusione Cdu. «Le perdite rispetto a 4 anni fa sono amare», ha ammesso il segretario generale, Paul Ziemiak, riferendosi ai quasi 9 punti in meno delle percentuali del 2017. «Dobbiamo vedere se c’è un modo per costituire una futura coalizione per il nostro Paese». Per Ziemiak una soluzione è la cosiddetta coalizione Giamaica: «L’Unione, l’Fdp ed i Verdi possono formare una buona coalizione».

I Verdi: «Risultato fantastico»

Le prime reazioni arrivano anche dai Verdi. Gli exit poll in Germania mostrano un risultato «fantastico» per il partito, ha detto Annalena Baerbock, candidata dei Verdi alla cancelleria. «Abbiamo un mandato per il futuro», ha aggiunto, affermando che il Paese ha bisogno di un «governo del clima».

Gli altri sondaggi

Un sondaggio effettuato da Forschungsgruppe Wahlen all’uscita dei seggi, alla domanda «Chi pensi che vincerà le elezioni?» il 58% degli elettori ha risposto l’Spd di Scholz e il 19% Cdu/Csu di Laschet. Anche il sondaggio Infratest vede tra i preferiti Scholz: alla domanda «Chi può guidare meglio il Paese attraverso le crisi?», il 60% ha risposto il socialdemocratico, il 25% Laschet e il 18% Baerbock.

Immagine di copertina: EPA/FOCKE STRANGMANN

Continua a leggere su Open

Leggi anche: