Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Al via il summit organizzato da Biden. Draghi: «Il Recovery Fund grande esempio di democrazia» – Il video

Il premier è intervenuto con un videomessaggio al vertice sulla democrazia ospitato dal presidente degli Usa a Washington: «L’Ue ha trasformato la pandemia in un’opportunità»

«L’Italia ribadisce il proprio impegno a rafforzare e a tutelare i diritti umani. Vuole favorire ulteriormente l’uguaglianza di genere, l’inclusione sociale e combattere tutte le forme di intolleranza e discriminazione, comprese quelle fondate sull’orientamento sessuale». Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha parlato oggi, 9 dicembre, al «Summit for democracy» organizzato e ospitato da Joe Biden a Washington. Dal summit sono stati escluse, non senza polemiche da parte dei diretti interessati, la Cina e la Russia. Ma anche l’Unione europea ha il suo grande assente: l’Ungheria. Secondo quanto trapelato da Bruxelles, la decisione ha destato non poco imbarazzo in Europa, nonostante la consapevolezza delle difficoltà e le tensioni emerse negli ultimi anni fra la Commissione europea e le scelte intraprese dal governo di Viktor Orban.


Il discorso di Draghi

Draghi è intervenuto in videoconferenza. «Le nostre economie si stanno riprendendo velocemente dalla pandemia da Covid-19 grazie a un supporto senza precedenti dei governi e le banche centrali», ha detto riferendosi al Recovery Fund da 750 miliardi di euro presentato durante l’emergenza dalla Commissione europea e approvato dal Consiglio europeo a luglio del 2020. «L’esperienza dell’Ue offre un esempio di resilienza e democrazia. Con il NextGenEu Abbiamo scelto di agire uniti e dividere collettivamente il costo della ripresa. Abbiamo trasformato la pandemia in un’opportunità per superare iniquità di lungo periodo, promuovere sostenibilità e innovazione. Abbiamo scommesso in grande sulle generazioni future». «La pandemia – ha continuato il presidente del Consiglio italiano – ha rappresentato una delle principali sfide alle democrazie del mondo, abbiamo dovuto bilanciare le libertà individuali con le misure di sicurezza e garantire prosperità in un momento di forte recessione. Fino ad ora siamo stati all’altezza del compito». Le nostre istituzioni, ha aggiunto, sono rimaste «forti ed efficaci».


Immagine di copertina: ANSA/POOL Roberto Monaldo / LaPresse

Continua a leggere su Open

Leggi anche: