Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Da gennaio altra stangata sulle bollette di gas e luce: «Almeno 800 euro in più per famiglia»

Un vero e proprio salasso per famiglie e piccole imprese in un Paese in cui si fa fatica a pagare le bollette e a riscaldare in maniera adeguata la propria casa

Se il governo Draghi non stanzierà almeno altri 3 miliardi, quello che verrà sarà un anno difficile per le famiglie e le piccole imprese italiane. Per il sesto trimestre consecutivo, infatti, aumenteranno i costi delle bollette, sia gas che luce, e stavolta i rincari saranno altissimi. Da record. Si stima che l’energia elettrica possa aumentare tra il 20 e il 25 per cento rispetto ai tre mesi precedenti mentre il gas tra il 35 e il 40 per cento. Si tratta di circa 800 euro in più a famiglia, una vera e propria stangata che arriva dopo un periodo difficile per l’economia del nostro Paese. Secondo Nomisma, nel prossimo trimestre la luce potrebbe aumentare del 17 per cento mentre il gas del 50 per cento. Numeri alla mano, si tratta di 136 euro in più a famiglia per la luce, 679 per il gas per un totale di oltre 800 euro, secondo l’Unione nazionale dei consumatori. Si arriva addirittura a 879 euro se le bollette della luce dovessero raggiungere un rincaro del 25 per cento in più. Un vero e proprio allarme soprattutto in un Paese, il nostro, dove molte famiglie non riescono a riscaldare in maniera adeguata il proprio appartamento e dove in tanti, in troppi, non riescono a pagare le bollette e dove si accede con difficoltà al bonus gas e luce anche perché la soglia di reddito per aderire all’incentivo è molto bassa. A questo si aggiungano tutti gli altri rincari: dal cibo (10 per cento in più quest’anno per comprare pandori e panettoni secondo il Codacons) alla benzina.


Servono altri 3 miliardi di euro

E il governo come si sta muovendo? Ha già stanziato 3,8 miliardi, messi da parte nelle ultime settimane per aiutare soprattutto le famiglie meno abbienti in vista degli aumenti nel periodo gennaio-marzo 2022 (dati più precisi si avranno a fine anno con l’aggiornamento delle tariffe). L’esecutivo guidato da Mario Draghi, dunque, dovrà trovare altri 3 miliardi per evitare che il 2022 diventi un incubo per gli italiani. I soldi finora stanziati non risolvono il problema, rischiano di essere insufficienti e non aiutano affatto le imprese. Da qui l’ipotesi di cancellare l’Iva sulle bollette; la Lega, invece, aveva chiesto di dirottare alcune risorse del reddito di cittadinanza per contrastare, appunto, il caro bollette.


Perché aumentano le bollette di gas e luce

Ma perché aumentano ancora una volta gas e luce? Cosa sta succedendo? La ripresa, nell’era post-Covid, ha portato – come spiega oggi Repubblica – a un’improvvisa corsa ai prezzi delle materie prime. Il petrolio, ad esempio, ha quasi raddoppiato il valore del barile dall’inizio di quest’anno mentre il gas naturale, che nel mondo sta sostituendo le centrali a carbone, ha visto salire i suoi prezzi del 400 per cento. A questo si aggiunga che, con l’inverno, si prevede una crescita della domanda di materia prima da utilizzare per riscaldare case e uffici. Poi, per fortuna, i prezzi dovrebbero cominciare a calare ma per questo bisognerà attendere almeno il secondo trimestre del 2022.

Foto in copertina di repertorio

Leggi anche: