Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ue, Parigi dopo la lettera di Draghi e Macron: «Servono nuove regole di bilancio, è tempo di aprire il dibattito»

I due leader hanno pubblicato un appello sul Financial Times. L’Eliseo: «L’Ue deve riaccendere lo spirito che ha guidato l’azione intrapresa all’inizio della pandemia»

«Dobbiamo abbassare i livelli del debito, ma non attraverso tagli alla spesa insostenibili o tasse più alte». Sono le parole di Mario Draghi ed Emmanuel Macron in un appello a doppia firma pubblicato sul Financial Times, dal titolo Le regole di bilancio dell’Ue devono essere riformate se vogliamo garantire la ripresa. Serve «più spazio di manovra» per fare investimenti, sostenere la crescita e garantire il welfare delle nuove generazioni e le regole del Patto di stabilità non devono essere un ostacolo. Le regole fiscali europee «sono troppo oscure, troppo complesse», hanno scritto i due leader. «Abbiamo bisogno di un quadro normativo credibile, trasparente e capace di contribuire all’ambizione di costruire un’Europa più forte, sostenibile ed giusta». E, in questo contesto, il Next Generation Eu viene descritto come centrale, «nella sua valutazione della qualità della spesa pubblica e nella sua modalità di finanziamento offre un utile modello per il futuro».


A proposito dell’appello di Draghi e Macron, l’Eliseo ha commentato: «La prossima presidenza francese del Consiglio Ue avrà l’obiettivo di sviluppare una strategia globale condivisa per il futuro dell’Unione. L’Ue deve riaccendere lo spirito che ha guidato l’azione intrapresa all’inizio della pandemia». I due presidenti «hanno voluto lanciare un dibattito che sarà dominante nel corso della presidenza francese dell’Ue: costruire una nuova strategia economica e concepire un nuovo modello di investimenti, crescita e lavoro», ha commentato l’Eliseo. Fonti interne hanno poi dichiarato e Draghi e Macron non hanno lavorato da soli all’editoriale, ma hanno coinvolto altri leader europei, tra cui il neoeletto cancelliere tedesco Olaf Scholz. «Draghi e Macron – hanno aggiunto le fonti – sostengono che dovremo ora discutere a 27 di questa strategia economica e sulla base delle conclusioni della discussione procedere con riforme precise delle regole di bilancio».


Il testo della lettera di Draghi e Macron

«L’Unione Europea è stata spesso accusata di fare troppo poco e agire troppo tardi nell’affrontare le crisi. La risposta collettiva alla recessione causata dal Covid-19 non è stata né troppo poco, né è arrivata troppo tardi. Ha dimostrato, piuttosto, l’importanza di un’azione tempestiva e coraggiosa. E ha confermato i benefici del coordinamento nelle politiche tra Paesi e istituzioni. Per combattere la crisi, i Governi dell’UE hanno erogato quasi 1.800 miliardi di euro in aiuti per famiglie e imprese. La Banca Centrale Europea ha lanciato un ampio programma di stimolo monetario per sostenere l’accesso al credito. La Commissione Europea ha sospeso le sue regole di bilancio e, insieme ai Governi, ha lanciato il programma Next Generation EU, un piano da 750 miliardi di euro per finanziare investimenti e riforme. La ripresa è ben avviata. L’economia dell’UE non è ancora tornata alla traiettoria che aveva prima della pandemia, ma è sulla buona strada per tornare ai livelli pre-crisi nei prossimi mesi. Anche le finanze pubbliche sono in via di risanamento: il rapporto debito–PIL nei Paesi dell’UE si è stabilizzato ed è destinato a scendere nel 2022.

Nonostante persistano incertezza, dobbiamo affrontare le grandi sfide di lungo termine che abbiamo davanti. La crisi climatica e della biodiversità stanno peggiorando. Le tensioni geopolitiche e militari sono in aumento. La tecnologia è sempre più centrale per il nostro benessere, ma allo stesso tempo acuisce le disuguaglianze esistenti e crea nuove divisioni. I cambiamenti demografici stanno mutando profondamente la struttura delle nostre società. Su tutte queste tematiche, l’UE deve agire con rapidità e coraggio. In Italia e in Francia, abbiamo già realizzato riforme ambiziose per proteggere i nostri cittadini e aiutarli a realizzare il loro potenziale, e abbiamo già ottenuto risultati tangibili. Ora dobbiamo andare oltre. Dobbiamo accelerare il programma di riforme e completare questa trasformazione con investimenti su larga scala nella ricerca, nelle infrastrutture, nella digitalizzazione e nella difesa.

Abbiamo bisogno di una strategia di crescita dell’UE per il prossimo decennio, e dobbiamo essere pronti ad attuarla, attraverso investimenti comuni, regole più adatte e un miglior coordinamento, non solo durante le crisi. La capacità di utilizzare la politica di bilancio per proteggere i nostri cittadini e trasformare le nostre economie è stata ed è tuttora un elemento centrale di questa strategia. Insieme agli altri Stati membri dell’UE, una volta che avremo definito un insieme di principi e di obiettivi macroeconomici comuni, dovremo poi discutere di quale sia il modo migliore per tradurli in un nuovo quadro di politiche di bilancio adeguato. Già prima della pandemia, le regole di bilancio dell’UE andavano riformate. Sono troppo opache e eccessivamente complesse. Hanno limitato il campo d’azione dei Governi durante le crisi e sovraccaricato di responsabilità la politica monetaria. Non hanno dato gli incentivi giusti per dare priorità a una spesa pubblica che guardi al futuro e rafforzi la nostra sovranità – ad esempio gli investimenti pubblici. Avremo bisogno di un quadro di politica di bilancio credibile, trasparente e in grado di contribuire alla nostra ambizione collettiva di avere un’Europa più forte, più sostenibile e più giusta. Non c’è dubbio che dobbiamo ridurre i nostri livelli di indebitamento. Ma non possiamo aspettarci di farlo attraverso tasse più alte o tagli alla spesa sociale insostenibili, né possiamo soffocare la crescita attraverso aggiustamenti di bilancio impraticabili.

Piuttosto, la nostra strategia è mantenere sotto controllo la spesa pubblica ricorrente attraverso riforme strutturali ragionevoli. Così come non abbiamo permesso che le regole ostacolassero la nostra risposta alla pandemia, allo stesso modo non dovranno impedirci di intraprendere tutti gli investimenti che sono necessari. La Commissione Europea ha lanciato una consultazione sul futuro delle regole di bilancio dell’UE e sono state avanzate proposte interessanti. Abbiamo bisogno di più spazio di manovra e di margine di spesa sufficiente per prepararci al futuro e per garantire la nostra piena sovranità. Il debito per finanziare tali investimenti, che certamente gioveranno alle generazioni future e alla crescita di lungo termine, dovrà essere favorito dalle regole di bilancio, dato che questo tipo di spesa pubblica contribuisce alla sostenibilità del debito. Il programma Next Generation EU è stato un successo – per i meccanismi che ha introdotto per la valutazione della qualità della spesa pubblica e per le sue modalità di finanziamento. In quanto tale, offre un utile modello per il futuro. Le nuove proposte meriteranno una discussione approfondita, non offuscata da ideologie, con l’obiettivo di servire al meglio gli interessi della UE nel suo insieme. L’imminente presidenza francese del Consiglio dell’UE avrà come obiettivo lo sviluppo di una strategia condivisa e completa per il futuro dell’Unione. La UE deve ravvivare lo spirito che ha guidato le sue azioni all’inizio della pandemia nel 2020. Una nuova strategia di crescita e, poi, una politica di bilancio rafforzata che vada in questa direzione possono contribuire in modo decisivo a assicurarsi che l’UE abbia i mezzi per agire e realizzare le sue ambizioni»

Foto: Financial Times

Leggi anche: