Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Nel Pronto Soccorso i vaccinati contro il Covid con doppia dose non vengono segnati come No vax

Nel referto medico del pronto soccorso la voce «vaccinazione Covid» non è da confondere con la voce «profilassi antitetanica»

Circola online la foto di un modulo d’accesso al pronto soccorso che, secondo chi sostiene teorie complottiste, dimostrerebbe come gli ospedali conteggino i vaccinati anti-Covid con doppia dose come non vaccinati, gonfiando così il numero dei No vax in circolazione. In realtà, la voce «vaccinato si/no» si riferisce alla profilassi antitetanica, che non ha a che vedere con la vaccinazione contro il Covid-19.

Per chi ha fretta:

  • Il post mostra il modulo di accesso al pronto soccorso di un paziente vaccinato con doppia dose contro il coronavirus
  • La voce «vaccinato: si/no», in basso nel modulo, si riferisce alla profilassi antitetanica, non alla vaccinazione contro il Covid-19
  • No, le persone con doppia dose di vaccino anti-Covid non vengono conteggiate come No vax.

Analisi

Ecco un post di esempio:

La foto ritrae un modulo del pronto soccorso: in alto si possono vedere i dati di accesso, con orario di arrivo, priorità d’entrata, tipo di patologia e sospetto di diagnosi. In questo caso, la persona in questione è un paziente affetto da Covid-19 da circa quattro giorni, con sintomi di febbre e affanno respiratorio. Come riportato nella parte alta del modulo, e sottolineato dal cerchietto blu, si tratta di un paziente vaccinato con due dosi contro il Covid-19.

La parte bassa del modulo, invece, mostra i dati di dimissione del paziente: l’orario in cui ha lasciato l’ospedale, la diagnosi e la prognosi. Il secondo cerchietto blu sottolinea la voce «già vaccinato: no», che però non si riferisce al vaccino anti-Covid, come ipotizzato dalle teorie No vax, bensì alla profilassi antitetanica. A sinistra, infatti, si può leggere «profilassi antitetanica: no».

Le risposte dei medici

La dottoressa Alice Rotelli, specializzata in chirurgia vascolare, ha pubblicato un post su Facebook spiegando il malinteso:

Nei profili e nelle pagine di novax e complottisti vari, sta girando questa immagine. La bufala riguarda il fatto che, secondo i novax, in ospedale i pazienti con doppia dose di vaccino vengano conteggiati come “non vaccinati”. I due cerchietti blu evidenziano rispettivamente il numero di dosi di vaccino anti-Covid ricevute e, sotto, se si è stati vaccinati o meno. Ma attenzione! La voce “vaccinato si/no” si riferisce alla PROFILASSI ANTITETANICA (rettangolo in rosso) e non alla vaccinazione COVID.

I pazienti vaccinati vengono registrati regolarmente come tali e non come non-vaccinati!

L’infettivologo Stefano Zona, dell’associazione IoVaccino, ha spiegato a Open che il modulo in questione è un referto prestampato, in cui sono già inserite delle voci predefinite da compilare, come la profilassi antitetanica. «I referti del pronto soccorso sono quasi completamente automatizzati su alcune cose – ha spiegato – La voce ‘vaccinato: no’ si riferisce alla profilassi antitetanica».

Conclusioni

Il modulo, diventato virale, non dimostra affatto la teoria del complotto che vede i vaccinati trasformati in No vax per gonfiare i numeri dei contrari al vaccino anti Covid-19. Essendo un prestampato, l’area dedicata all’antitetanica non riguarderebbe un paziente Covid-19 e pertanto, come visibile dallo stesso modulo, non c’è stata la necessità di indicare il controllo della profilassi, la segnalazione alle autorità giudiziarie e una eventuale comunicazione all’Inail per gli infortuni sul lavoro.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: