Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ladri in casa della grande elettrice mentre vota per il Quirinale, la scoperta della deputata Pd

Patrizia Prestipino era rientrata a casa dopo una giornata trascorsa tra il voto per il Quirinale e una commemorazione per la Giornata della Memoria

«Sono tornata a casa nuova, ho trovato la casa svaligiata dai ladri e Lola e Lù mezze addormentate». Inizia così il il post Facebook della deputata del Pd Patrizia Prestipino che, oggi 27 gennaio, come tutti gli altri deputati e senatori si è recata a votare per il prossimo presidente della Repubblica. I ladri, conoscendo bene i suoi spostamenti e sapendo perfettamente (basta accendere la tv) quando avrebbe votato, ne hanno approfittato per fare irruzione, per svaligiarle la casa. «Io non so se questi maledetti leggeranno mai questo post – scrive – ma sia chiaro che ora la Digos è già operativa e, con le immagini della telecamera che ho sparse ovunque, ricostruiamo chi sono. Vi assicuro che non avranno vita facile». «Gli conviene farmi recapitare le mie cose a cui sono più affezionata. Che non sono quelle di valore. Che erano ben poche. Parola mia», conclude nel suo messaggio su Facebook. Prestipino era rientrata a casa dopo una giornata trascorsa tra il voto per il Quirinale e una commemorazione per la Giornata della Memoria. Come è noto, tra l’altro, a causa della pandemia del Coronavirus, i grandi elettori sono chiamati a votare alla Camera dei deputati, con il Parlamento riunito in seduta comune, una sola volta al giorno (domani forse qualcosa potrebbe cambiare, ndr) e sempre a blocchi di 50. Prima i senatori, poi i deputati e infine i delegati regionali. E in quei momenti i ladri hanno fatto “festa”.


Foto in copertina da FACEBOOK/PATRIZIA PRESTIPINO


Leggi anche: