Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La lettera del Papa al patriarca Kirill: «Operiamo per la pace in Ucraina dilaniata dalla guerra»

Nella lettera, pubblicata sul sito ufficiale della Chiesa Ortodossa russa, Papa Francesco scrive: «Sentiamo tutto il peso della sofferenza della nostra famiglia umana, schiacciata dalla violenza, dalla guerra e da tante ingiustizie»

«Caro fratello, possa lo Spirito Santo trasformare i nostri cuori e renderci veri operatori di pace, specialmente per l’Ucraina dilaniata dalla guerra, affinché il grande passaggio pasquale dalla morte alla nuova vita in Cristo diventi una realtà per il popolo ucraino, desideroso di una nuova alba che porrà fine all’oscurità della guerra». Queste le parole che papa Francesco ha scritto in una lettera indirizzata al patriarca di Mosca, Kirill, in occasione della Pasqua ortodossa del 24 aprile. La riporta Vatican News, che cita lettera pubblicata sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa. Nella lettera Papa Francesco spiega che in questo periodo «sentiamo tutto il peso della sofferenza della nostra famiglia umana, schiacciata dalla violenza, dalla guerra e da tante ingiustizie».


Cosa c’è scritto nella lettera

Nonostante questo – continua Papa Francesco – «guarderemo ancora con cuore grato che il Signore ha preso su di Sé tutto il male e tutto il dolore del nostro mondo. La morte di Cristo è stata l’inizio di una nuova vita e di liberazione dai vincoli del peccato e un’occasione per la nostra gioia pasquale, aprendo a tutti la via dall’ombra delle tenebre alla luce del regno di Dio». L’invito, forte e chiaro, resta quello di pregare gli uni per gli altri «per portare una testimonianza credibile del messaggio evangelico di Cristo risorto e della Chiesa come sacramento universale di salvezza» così da far entrare tutti «nel regno della giustizia, della pace e della gioia nel Spirito Santo». Nei giorni scorsi il presidente ucraino Zelensky aveva chiesto la mediazione della Santa Sede nei negoziati di pace con i russi.


Foto in copertina di repertorio: EPA/Alejandro Ernesto

Leggi anche: