Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La risposta di Letta al viaggio (da confermare) di Salvini a Mosca: «Va dove gli batte il cuore»

Così il segretario dem commenta la possibile visita del leader della Lega a Mosca. Al momento, però, resta solo un’ipotesi: la Farnesina dice di non essere a conoscenza «di alcun viaggio»

«Mi stupisce arrivi così tardi perché va dove naturalmente gli batte il cuore fin dall’inizio. Evidentemente lo considera un luogo dove andare». Queste le parole del segretario dem Enrico Letta che, da Como, commenta la possibile visita del segretario della Lega Matteo Salvini a Mosca. Letta ha anche aggiunto: «Il Pd sostiene il governo Draghi per la pace. Iniziative strampalate alla Salvini non hanno alcuna utilità. Servono a lui per ritrovare la sua identità». Sulla possibile visita del leader della Lega a Mosca, in realtà, si sa ancora poco: come fanno trapelare ambienti del partito, è tutto ancora decidere, l’iniziativa resta di fatto un’ipotesi di lavoro. Fonti della Farnesina al momento smentiscono e dicono che «non ci è stata fatta alcuna comunicazione, non siamo a conoscenza di alcun viaggio».


«Dopo un lavoro di settimane e a tutti i livelli, ed ormai entrati nel quarto mese di guerra, si sta aprendo la possibilità di incontrare, per parlare di cessate il fuoco, forniture di grano e ritorno al dialogo, rappresentanti dei governi di Russia e Turchia, nonché rappresentanti di altri governi e istituzioni internazionali». Questo è ciò che scrive il segretario della Lega Matteo Salvini nella chat del partito per fare il punto della situazione sulla guerra in Ucraina. «Qualora la possibilità si facesse concreta, nelle prossime ore ne parlerò direttamente coi vertici del movimento e delle istituzioni. Ritengo che ogni iniziativa diplomatica che riporti al tavolo le parti in conflitto vada perseguita».


Foto in copertina di repertorio: ANSA/MOURAD BALTI TOUATI

Leggi anche: