Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Un mini Pistolero a Sassuolo: Agustin Alvarez sulle orme di Suarez

L’ultimo colpo di Carnevali è l’attaccante classe 2001 pagato 12 milioni e paragonato a Luis Suarez. Con il Peñarol ha realizzato 34 reti in 89 partite

Il Sassuolo ha individuato un nuovo talento sul calciomercato, da lanciare in Serie A e far crescere in Emilia. L’ultima promessa arrivata in terra neroverde è Agustín Álvarez, ventunenne uruguaiano scovato dagli scout di Carnevali e portato in Italia a suon di milioni. Ben 12. Quelli richiesti dal Peñarol per lasciar partire il centravanti, che già in passato aveva sfiorato la Serie A. Adesso, con una stagione di ritardo, Alvarez è pronto a mettersi in mostra agli occhi del calcio europeo. Il suo sogno è quello di seguire le orme di tanti connazionali che in Europa hanno trovato fortuna: Cavani, Forlan e Suarez su tutti.


Nuovo pistolero

EPA/PABLO PORCIUNCULA | Agustín Álvarez Martínez (Uruguay) festeggia dopo aver segnato contro la Bolivia, durante la partita di qualificazione alla Coppa del Mondo CONMEBOL Qatar 2022 Uruguay – Bolivia, Stadio Centenario, Montevideo, Uruguay, 5 settembre 2021

Ed è proprio a Luis Suarez che Alvarez viene accostato in patria. Un paragone quantomeno azzardato ma che gli è già valso il soprannome di ‘Nuovo Pistolero‘. Per ora con il Peñarol ha realizzato 34 gol in 89 partite, in Nazionale invece ha totalizzato solamente quattro presenze impreziosite dal gol all’esordio messo a segno contro la Bolivia. Con il Sassuolo il classe 2001 ha firmato un contratto quinquennale fino al 2027. In neroverde l’uruguaiano potrebbe prendere il posto di Scamacca, finito nel mirino del Paris Saint-Germain. Tra le sue caratteristiche infatti non c’è soltanto uno spiccato fiuto del gol: tra le specialità della casa ci sono anche gli assist.


Italia nel destino

sassuolocalcio.it | Agustín Álvarez Martínez con la maglia del Sassuolo insieme all’ad neroverde Andrea Carnevali (d) e il ds Giovanni Rossi (s)

In passato Alvarez era già stato cercato da diversi club italiani e stranieri ma, prima del Sassuolo, nessuno era mai arrivato a formulare un’offerta in grado di soddisfare il Peñarol. Il suo procuratore Edgardo Lasalvia – lo stesso che ha portato Darwin Nunez al Liverpool – ne aveva parlato durante alcuni incontri andati in scena con le dirigenze di Inter e Milan, senza però avviare mai una vera trattativa. Lo scorso gennaio l’attaccante sembrava a un passo dalla Fiorentina, ma le elevate richieste del club di Montevideo hanno fatto saltare l’affare. Ieri invece è finalmente sbarcato in Italia, pronto a scrivere pagine importanti. Del suo futuro e di quello del Sassuolo.

Leggi anche: