Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Inaugurata «Plaza Raffaella Carrà» nel cuore di Madrid: l’omaggio spagnolo in un luogo simbolo per la comunità Lgbt – Il video

La piazza è già un punto di ritrovo importante per la comunità Lgbt spagnola, con cui l’artista italiana ha sempre avuto un legame profondissimo

6 luglio a Madrid c’è «Plaza Raffaella Carrà», un omaggio permanente alla diva italiana, a distanza di un anno dalla sua scomparsa e nel pieno del Gay Pride madrileno. L’iniziativa, infatti, era stata promossa da Más Madrid «per valorizzare la memoria di questa donna, cantante, compositrice, presentatrice, ballerina, coreografa e icona di riferimento per tutti i madrileni e le madrilene e in particolare per la comunità Lgbtq+». Il forte legame tra la comunità è l’artista italiana è dimostrato anche dal luogo prescelto per lo spazio pubblico a lei dedicato. La piazzetta si trova infatti lungo via Fuencarral, conosciuta strada del centro città situata nei pressi del quartiere di Chueca, luogo simbolo proprio del collettivo Lgbtq+.


Lo sconfinato affetto che la Spagna nutre nei confronti della Carrà era già stato dimostrato nelle prime pagine nazionali, che l’avevano definita «Fidanzata d’Italia, grande tifosa della Nazionale e icona del sesso». Il suo ex compagno storico Sergio Japino, presente oggi all’inaugurazione, ha ricordato come la Spagna fosse per lei «il secondo, a volte il primo Paese». La vice-sindaca della capitale spagnola, Begoña Villacís, ha aggiunto: «Raffaella è una regina. Con le sue canzoni ballavamo felici, sentendoci liberi, perché chi le cantava era una persona molto libera». «Con la sua presenza e personalità ha lasciato un ricordo indelebile a ogni italiano e a ogni spagnolo», ha concluso Riccardo Guariglia, l’ambasciatore italiano in Spagna. Adesso, dopo Madrid potrebbe essere il turno di Roma. Il sindaco Roberto Gualtieri aveva annunciato di «star pensando» a una piazza dedicata alla diva, in risposta richiesta della l’attivista ed ex deputata Vladimir Luxuria.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: