Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Monza, no stop: preso Petagna, vicini Pablo Mari e Rovella

I brianzoli non si fermano più: l’obiettivo è candidarsi per il ruolo di outsider del campionato

Il calciomercato del Monza si è aperto col botto e potrebbe chiudersi in maniera ancor più fragorosa. Perché l’intento del presidente Berlusconi e dell’ad Galliani è sempre quello di allestire una squadra in grado non solo di raggiungere una salvezza comoda, ma di dar costantemente filo da torcere alle squadre di medio-alta classifica. Insomma, l’obiettivo dei brianzoli è quello di candidarsi per il ruolo di outsider della Serie A e, per raggiungerlo, il club continua a mettere a segno colpi degni di una big. Se il mercato di Inter e Milan infatti sta vivendo una fase di stallo, il Monza si conferma una delle squadre più attive della sessione estiva. Dopo rinforzi del calibro di Cragno, Ranocchia, Sensi, Marlon, Caprari e Pessina, oggi è arrivata la fumata bianca anche per Petagna: il centravanti chiesto a gran voce da Stroppa già alla fine della scorsa stagione. L’attaccante si trasferisce dal Napoli in prestito oneroso per 2,5 milioni di euro, con diritto di riscatto fissato a 10 milioni – più 1.5 di bonus – per un totale di 14 milioni. Un colpo da vera propria big.


E non finisce qui

ANSA | Pablo Marì con la maglia dell’Udinese

Ad accendere i sogni dei tifosi biancorossi non c’è soltanto il nome di Andrea Petagna, centravanti che ha dimostrato di rendere al meglio proprio in realtà più a misura d’uomo rispetto ad una big (il meglio lo ha fatto vedere con la maglia della Spal). In attesa di ufficializzare l’ex Napoli, a Monza si lavora anche su Pablo Marì, difensore di proprietà dell’Arsenal che ha trascorso l’ultima stagione all’Udinese. La trattativa per lo spagnolo dovrebbe chiudersi a breve. Sulla lista dei desideri c’è anche Nicolò Rovella, centrocampista classe 2001 di proprietà della Juventus che dovrebbe trasferirsi in Brianza con la formula del prestito secco.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: