Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il video anti immigrazione con falsi sottotitoli e il discorso tagliato di Giuseppe Conte

Un video creato per attaccare politicamente il PD e il M5s, in particolare l’ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Il 9 agosto 2022 riceviamo una segnalazione da parte del Mapping Italian News – Research Program dell’Università di Urbino in merito a un video diffuso via Facebook in tema immigrazione. La clip risulterebbe circolare almeno dal 2020 e verrebbe proposta con dei falsi sottotitoli e decontestualizzazioni. Ne riconosciamo subito due, uno trattato lo scorso 23 agosto 2020 e l’altro addirittura nel 2019. Di fatto, l’intero montaggio risulta falsato per diffondere disinformazione ai danni di PD e M5s.

Per chi ha fretta

  • Il video riporta sottotitoli e affermazioni false attribuite ai protagonisti filmati.
  • Uno dei video non riguarda nemmeno l’Italia.
  • Il video finale di Giuseppe Conte risulta tagliato e decontestualizzato.

Analisi

Come ci segnala il team dell’Università di Urbino, il video è stato recentemente condiviso all’interno di un gruppo Facebook chiamato «sostenitori di Mario Giordano» con oltre 22 mila iscritti.

La prima clip

«Ciao ITALIA stiamo Arrivando» riporta una scritta in alto appena inizia il video, seguita da un «Preparate le sigarette». Ad un certo punto compaiono i seguenti sottotitoli: «Lui è venuto in Italia a cercare ragazze, ma già è sposato» e «Vedrai che ti piacciono le italiane». Tutto ciò nonostante non si senta in alcun modo la parola «Italia» o «italiane».

Inviando il video a diversi madrelingua nord africani, otteniamo una risposta che conferma quanto dichiarato dal team dell’Università di Urbino: i ragazzi, che parlano un dialetto tunisino, non fanno alcun riferimento a delle ragazze o donne italiane, ma dei loro genitori e del fatto che arrivino salvi a destinazione.

Non conoscendo l’origine del video, chi l’abbia realizzato e il relativo contesto, non si può sostenere con certezza che si tratti di migranti.

La seconda clip

La seconda parte del video vede un ragazzo mentre canta a bordo di una nave accompagnato dalle seguenti scritte: «Stiamo andando nel Paese dei Balocchi!!!», «Una dedica al PD e al 5 stelle» e «Noi siamo gli ospiti e voi i clandestini».

Ascoltando l’audio, non riscontriamo quanto riportato nei “sottotitoli”. Neanche in questo caso è possibile confermare che si tratti di migranti o meno.

La terza clip

Con una semplice ricerca per immagini, riscontriamo che la terza clip risulta datato e riguarda dei migranti in direzione Spagna. Ecco un post Facebook del 24 agosto 2020 dove leggiamo «Europa Oran Haraga 2020 Haraga men Mostaganem 2020».

Riportando tali parole su Youtube, troviamo un video del 2 agosto 2020 dal titolo «Haraga Oran Tropiko Rapide 2020 Almeria ( 2 heures et 30min )» (riproposto il 27 agosto 2020 da un altro canale).

In questo caso si tratta di migranti, mentre non si riscontrano le frasi «abbiamo fame» e «scappiamo da guerra e miseria» attribuite attraverso i sottotitoli del video manipolato.

La quarta clip

La quarta scena presenta la scritta «Grazie PD e M5s per questa lussuosa nave da crociera!!!» anche se le persone riprese non si trovano affatto a bordo di in una nave.

Ci eravamo occupati dello stesso video nel 2020 quando il noto account di bufale RadioSavana lo diffuse con dei falsi sottotitoli «Nessuno ci manderà via dall’Italia!». Riportiamo, per semplicità, la conclusioni del nostro articolo dell’epoca:

Il video è stato ripreso presso l’hotspot di Lampedusa, dove dei migranti ospiti della struttura hanno cantato una canzone in lingua araba dal titolo «Nel mio paese mi hanno fatto un torto». Secondo RadioSavana avrebbero detto «Nessuno ci manderà via dall’Italia», ma questa citazione non trova riscontri dalla verifica del madrelingua.

La sesta clip

Saltiamo la quinta clip, la quale mostra delle stanze di albergo e immagini che fanno pensare agli alloggi destinati ai migranti. Il sesto riguarda un discorso di Giuseppe Conte dove afferma quanto segue:

Noi lavoreremo perchè potrà offrire, riproducendolo, a migliaia di giovani africani il lavoro con mutuo beneficio e così andremo a risolvere concretamente il problema dell’immigrazione. Non con lo slogan porto chiuso.

Avevamo già trattato questo video in un articolo del 2019. Il discorso completo, disponibile sul canale YouTube di M5sParlamento, permette di ricostruire meglio l’intero contesto:

Qui Conte parlava del “Progetto Africa”, un’operazione che coinvolge Eni, Bonifiche Ferraresi e Coldiretti. L’obiettivo è quello di creare una filiera agricola in Ghana, per dare posti di lavoro a chi vive in questo territorio. Un progetto completamente opposto a quello attribuito da Colzani a Conte.

Conclusioni

Aiutati da dei traduttori madrelingua, riscontriamo che i sottotitoli dell’intero video sono del tutto inventati. Per alcune delle clip non si è in grado di affermare che si tratti di migranti, per altre riguardano invece la Spagna e non l’Italia. Il video di Giuseppe Conte nel finale risulta tagliato e fuori dal suo contesto.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: