Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il sondaggio che incorona Letizia Moratti: solo lei può vincere contro Fontana in Lombardia

Una rilevazione di Winpoll dice che l’ex assessora prenderebbe il 49% contro il presidente uscente fermo al 43%

Un sondaggio di Winpoll per Repubblica incorona Letizia Moratti. Solo l’ex assessora al Welfare ha una chance di battere Attilio Fontana nella corsa per la presidenza di Regione Lombardia. Anzi, di più: secondo la rilevazione la «dottoressa» arriverebbe al 49% contro il 43% del leghista. La società di sondaggi ha approntato quattro diverse sfide tra candidati da sottoporre al suo campione. La prima prevede una corsa tra Fontana e il neosenatore Pd Carlo Cottarelli. In questo caso la vittoria andrebbe a Fontana e con la maggioranza assoluta: 51% contro il 43% dell’economista. Se la corsa invece fosse con Pierfrancesco Majorino, europarlamentare milanese, la vittoria sarebbe ancora più netta: 53% contro 39%. Quindi, la sfida con l’ex ministra di Berlusconi: in quel caso Moratti vincerebbe con il 49% contro il 43% del leghista. In ultimo, la sfida con Pierfrancesco Maran: l’assessore di Sala porterebbe a casa il 39% dei consensi, Fontana il 52,5%. In tutte le rilevazioni non si specifica quale coalizione appoggerebbe i candidati. Ma di sicuro con Moratti in corsa (sponsorizzata da Calenda e Renzi) non ci sarebbero la sinistra e il Movimento 5 Stelle. Intanto la «dottoressa» oggi sarà in piazza a Milano con il Terzo Polo. E Renzi ha già cominciato a mettere pressione ai Dem, consigliando di chiamarla per accordarsi su una candidatura. Che del resto anche lei stessa desidera fortemente, visto che sta approntando la sua fondazione Lombardia Migliore per la corsa elettorale. C’è però un abisso tra la candidatura con il Terzo Polo e quella con l’appoggio dei Dem. Perché soltanto nel secondo caso Moratti correrebbe con buone possibilità di vittoria. Ieri, a margine della presentazione di un libro a Pavia, Calenda ha anche proposto il ticket Moratti-Cottarelli.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: