Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Pakistan, il padre di Saman Abbas prova a difendersi in tribunale: «Mia figlia è viva»

Le dichiarazioni dell’uomo in aula a Islamabad arrivano dopo quelle in cui raccontava che sua moglie fosse tornata in Europa. Circostanza che gli inquirenti italiani avrebbero già smentito. A Novellara intanto entrano nel vivo le operazioni di recupero del corpo individuato anche grazie alle indicazioni dello zio della 18enne scomparsa

«Mia figlia è ancora viva». Sarebbero le parole pronunciate – e riportate da Ansa – dal padre di Saman Abbas durante l’udienza a Islamabad, in Pakistan dopo il suo arresto avvenuto la sera del 17 novembre da parte delle forze dell’ordine federali che due settimane prima avevano ricevuto l’incarico di fermare Shabbar Abbas su mandato internazionale provvisorio finalizzato all’estradizione. Il padre della 18enne scomparsa la notte tra il 30 aprile e il primo maggio 2021 a Novellara, è accusato dalla Procura di Reggio Emilia di omicidio, sequestro di persona e soppressione di cadavere in concorso con altri quattro familiari: sua moglie, Nazia Shaheen, lo zio Danish Hasnain e i cugini Ikram Ijaz e Nomanhulaq Nomanhulaq arrestati insieme a Danish. Shabbar era con l’avvocato al quale sono stati concessi sette giorni per prendere visione della documentazione arrivata dall’Italia, che ne ha chiesto – appunto – l’estradizione. Questa mattina, giovedì 24 novembre, – inoltre – sono entrate nel vivo le operazioni di recupero del cadavere che potrebbe essere della 18enne pachistana, trovato il 19 novembre scorso in un casolare diroccato a 500 metri dalla casa degli Abbas e dopo l’indiscrezione da parte dello zio Danish. I periti dovranno accertare le dinamiche della vicenda e le tempistiche dell’occultamento, nonché le cause e i tempi della morte con esami tossicologici. Solo allora si potrà determinare se il corpo riesumato appartenga effettivamente alla giovane pachistana. Nel frattempo, è già stata fissata una nuova udienza – sempre a Islamabad – per il padre di Saman che si terrà il 6 dicembre prossimo.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: