Parlamento boccia la legge di bilancio: la Spagna verso le elezioni anticipate

Il Parlamento spagnolo ha rigettato la Finanziaria 2019 proposta dal governo socialista di Pedro Sanchez. Si apre la strada alle elezioni anticipate

È la prima grossa sconfitta legislativa del primo ministro spagnolo Pedro Sánchez. Il Parlamento ha bocciato la sua proposta di Finanziaria. I secessionisti spagnoli, del cui appoggio il governo socialista ha bisogno, hanno detto«No» alla nuova legge di bilancio. Prima della votazione, i Socialisti e il partitoPodemoshanno fatto l'ultimo tentativo, enfatico e persistente, per convincere gli indipendentisti catalani (ERC e PDeCAT) a mettere da parte le avversità e approvarela finanziaria del governo di Sánchez. Hanno cercato di persuaderli che dire«Sì» alla legge di bilancio non significarinunciare alleloro rivendicazioni indipendentiste e territoriali. Ma non è servito a nulla. Con 191 voti a favore dell'emendamento che respinge la propostacontro i 158 "no" la proposta di bilancio èstata rifiutata.Il premier ha subito abbandonato il Parlamento.

Sanchez si trova in un vicolo cieco: da un lato il suo partito è opposto all'indipendenza catalana e non è quindi disposto a assecondare la richiesta degli indipendentistidi indire un referendum per l'autodeterminazione. Dall'altra è considerato un traditore dal partito conservatore per aver avviato dei colloqui con i gruppi separatisti catalani. «Per una Spagna unita, elezioni ora! Lunga vita alla Spagna»hanno urlato i 45mila in piazza da domenica.Sanchez, che è subentratoal governo conservatore di Mariano Rajoylo scorso giugno, detiene solamente un quarto dei seggi in Parlamento e la sua capacità legislativa dipendedal sostegno dei gruppi catalani, che avevano giàrifiutato di mediare con il governo la settimana scorsa. Lo stesso capo del Governo aveva affermato che senza legge di bilancio «si accorcia la legislatura». Non si sa ancora di quanto ma è probabile che le elezioni si tengano il prossimo aprile, forse il 28 secondo El Paise il Parlamento sarebbe sciolto all'inizio di Marzo. Sanchez annuncerà venerdi la data delle prossime elezioni, secondo fonti vicine all'esecutivo consultate dal quotidiano spagnolo.

Leggi anche