25 aprile, incendio in una libreria bistrot a Roma dichiaratamente antifascista

Lo sfogo dei gestori del locale: «Le fiamme hanno devastato gli spazi e bruciato i nostri preziosi libri, siamo sconvolti». L’incendio sarebbe di origine dolosa, provocato probabilmente per ragioni politiche

«Siamo sconvolti». Queste le parole che i gestori de La Pecora elettrica, una libreria caffetteria simbolo del quartiere Centocelle, nella Capitale, hanno affidato alla pagina Facebook dopo il rogo della notte scorsa nel loro locale dichiaratamente antifascista.

25 aprile, incendio in una libreria bistrot a Roma dichiaratamente antifascista foto 1

I carabinieridel nucleo investigativo di Roma stanno indagando sulla vicendama, stando allaprima ricostruzione dei fatti, l’incendio sarebbe di origine dolosa e potrebbe essere stato provocato per ragioni politiche.Le fiamme dentro alla libreria sarebbero divampate dopo l’esplosione di un ordigno artigianale vicino all’ingresso, dopo le 3.20 della notte scorsa. Siamo vicino al Forte prenestino, uno dei più noti centri sociali autogestiti di Roma.

25 aprile, incendio in una libreria bistrot a Roma dichiaratamente antifascista foto 3

Numerosi libri sono andati in fumo nonostante il lavoro dei vigili del fuoco per spegnere le fiamme. «Fortunatamente stiamo tutti bene e non ci sono stati danni agli appartamenti dei nostri vicini. Noi però siamo scioccati», spiegano i gestori de La Pecora elettrica.«I danni sono tanti: al nostro arrivo abbiamo trovatola soglia in marmo distrutta, le serrande divelte e all’interno del locale una squadra di vigili del fuoco stava estinguendo le fiamme che hanno devastato gli spazi e bruciato i nostri preziosi libri».

Intorno alle 3,20 del mattino di questo 25 aprile, ore dopo la consueta chiusura del locale, un incendio è divampato all…

Posted by La Pecora Elettrica on Thursday, April 25, 2019

Ad avvalorare la pista dell’incendio doloso provocato per ragioni politiche nel giorno della festa della Liberazione – essendo la libreria dichiaratamente antifascista -è il fatto che dalregistratore di cassa, che all’arrivo delle forze dell’ordine è stato trovato aperto, non è stato sottratta alcuna somma didenaro. «La cultura è #liberazione – sono le conclusioni del post de La Pecora elettrica -R-Esistiamo».

25 aprile, incendio in una libreria bistrot a Roma dichiaratamente antifascista foto 2

Leggi anche: