Manuel Bortuzzo: «Finalmente torno a casa» 

Il nuotatore veneto, rimasto paralizzato agli arti inferiori dopo la sparatoria nella periferia Sud di Roma, ha annunciato il ritorno a casa

«Dopo tre lunghi mesi finalmente posso tornare a dormire a casa». È con queste parole e un grandissimo sorriso che Manuel Bortuzzo ha annunciato di aver abbandonato l’ospedale Santa Lucia dove, dopo essere stato colpito da un proiettile nel quartiere Axa di Roma ed aver riportato una lesione midollare completa, ha intrapreso un lungo percorso di riabilitazione.

Si torna a casa…a Roma!

Si torna a casa… a Roma! Da domani sarà day hospital

Posted by TutticonManuel on Wednesday, May 8, 2019

«Continuerò a nuotare»

«A breve comincerà il secondo step, ovvero quello di tornare a fare tutte le terapie in day hospital», spiega il giovane ventenne, che aggiunge: «In giornata continuerò a fare la mia palestra e continuerò a nuotare». Nel breve video, Bortuzzo spiega che resterà a Roma per proseguire le cure.

L’accusa: tentato duplice omicidio

Parallelamente stanno per chiudersi le indagini della Procura di Roma. I due aggressori del giovane, Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano (rispettivamente di 24 e 25 anni), attualmente detenuti nel carcere di Rebibbia, sono accusati di tentato duplice omicidio, ricettazione e detenzione di arma da fuoco e rissa.

Foto copertina Ansa | Manuel Bortuzzo

Leggi anche: