Bulgaria: in testa il partito conservatore di Borisov

Il partito di maggioranza GERB è avanti sul gruppo di opposizione socialista per sei punti percentuali

Ore 6.43 – I risultati provvisori continuano a dare il partito al Governo GERB avanti rispetto ai socialisti bulgari. Il partito dei Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria guadagna il 30.64%. Poco dietro il BPS fermo a 26.42%.

Ore 02.14 – Continua lo scrutinio dei voti a Sofia. Scende di un punto percentuale GERB che ora si aggira attorno al 30,13%. Cresce il partito socialista bulgaro al 24,03%.

Ore 22.45 – Sale il partito di maggioranza GERB ora al 31, 30%

Nel voto europeo in Bulgaria, stando ai primi exit poll risulta in testa il partito conservatore Gerb del premier Boyko Borissov. L’agenzia Gallup International gli assegna il 30,5% dei voti e sei seggi dei diciassette spettanti alla Bulgaria al Parlamento europeo.

Seguono il partito socialista all’opposizione, con il 25,4% e cinque seggi, e il partito della minoranza turca, Dps, con il 12,8% e tre seggi. Al quarto posto, con l’8% dei voti, si piazzerebbe il partito nazionalista Vmro con 2 seggi. La coalizione di centrodestra ‘Bulgaria democratica’ raccoglierebbe, a sorpresa, il 6,5% dei voti superando lo sbarramento del 5,88% e ottenendo un seggio. L’affluenza alle urne, secondo le prime indicazioni, è stata bassa, poco più del 30% (alle politiche si attesta solitamente fra il 50% e il 60%

È la terza volta che la Repubblica di Bulgaria è chiamata a votare per eleggere il Parlamento Europeo. Il Paese dell’est europeo è entrato nell’Ue nell’ultimo allargamento del 2007 insieme alla Romania. Il Paese ha dovuto affrontare negli ultimi mesi due grossi scandali che hanno portato alle dimissioni di importanti figure chiave all’interno del governo guidato dal primo ministro Borisov.

Da sapere: