Parlamento Ue, l’ultradestra spagnola di Vox dice no a Salvini

«Ci sono molte cose che ci separano», ha detto Ivan Espinosa de los Monteros, vicesegretario degli Affari esteri del partito

I tre deputati di Vox al parlamento Europeo – 6,2% dell’elettorato spagnolo – non si legheranno ai sovranisti, schivando la mano tesa di Matteo Salvini e Marine Le Pen. Lo riferisce il quotdiano spagnolo El Pais, riportando le parole di Ivan Espinosa de los Monteros, vicesegretario responsabile degli Affari esteri del partito di ultradestra. In privato, secondo il giornale spagnolo, la posizione di Monteros è ancora più dura: «Ci sono molte cose che ci separano».

Vox è il primo partito di estrema destra a sedere nel Parlamento spagnolo dopo 35 anni. La filosofia di partito, però, è molto lontana dalle idee di autonomia territoriale da sempre vicine alla Lega: Vox nasce nel 2014 da membri del Partito popolare che considerano l’approccio del partito verso le istanze separatiste basche e catalane troppo morbido.

Vox sarebbe quindi intenzionato a confluire nel gruppo dei conservatori e riformisti europei, creato nel 2009 da deputati britannici in fuga dalle posizioni sul federalismo del gruppo del Partito popolare europeo, e apprezzato da Giorgia Meloni (che però ha scelto l’Acre).

I no spagnoli a Salvini si aggiungono così a quello di 13 eurodeputati ungheresi (il premier Viktor Orban, preferisce rimanere nel Ppe), di 29 eurodeputati inglesi del Brexit Party – Nigel Farage, che ha scelto di rimanere nell’Efdd (Europa della libertà e della democrazia diretta), il gruppo dei 5 Stelle, e della Cdu-Csu di Angela Merkel.

Leggi anche