Insulti a Falcone e Borsellino su Rai2. La procura di Catania apre un’inchiesta

«Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro», ha detto il cantante neomelodico ospite del programma

La procura di Catania ha aperto un’inchiesta sull’ultima puntata di Realiti, la trasmissione di Rai 2 e condotta da Enrico Lucci, che si occupa di attualità con un occhio di riguardo ai “fenomeni del web”. Il procuratore aggiunto Carmelo Petralia ha dato ordine alla Polizia Postale catanese di acquisire e analizzare i video della trasmissione.

Al centro delle indagini le parole del cantante neomelodico Leonardo Zappalà relative alla professione di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: «Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro».

Le reazioni dei vertici Rai

«Indegne». Così la Rai giudica le parole su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino pronunciate da un ospite della puntata di Realiti, andata in onda mercoledì (5 giugno) su Rai 2.

L’azienda della radiotelevisione pubblica non solo condanna fermamente l’episodio ma, tramite una nota, annuncia anche un’istruttoria per «ricostruire tutti i passaggi della vicenda», andata in scena durante la prima puntata della trasmissione condotta da Enrico Lucci.

Le scuse di Freccero, direttore di Rai2

Anche Carlo Frecerro, direttore di Rai2, attraverso le pagine de Il Messaggero si accoda alle scuse per quanto andato in onda. 

«Mi sono subito accorto della gravità e ho immediatamente provveduto con veemenza a porre il problema. Durante la pubblicità ho fatto presente la questione», spiega Freccero. Il direttore del secondo canale nazionale ha precisato che «sono cose che accadono in diretta», senza però minimizzare l’accaduto. Freccero infatti ha assicurato che si confronterà con i vertici Rai, dopo aver già discusso dell’accaduto subito dopo la fine della puntata del programma. 

Le reazioni della Vigilanza Rai

Dura la reazione dell’Usigrai, il sindacato della tv pubblica. Ma per la commissione di Vigilanza sulla Rai e per il suo presidente Barachini, la semplice condanna non è abbastanza: «Ci vuole un controllo più rigoroso dei contenuti e degli ospiti delle trasmissioni», è la loro posizione.

La puntata, nel frattempo, è stata rimossa da Rayplay, mentre la trasmissione non andrà più in onda in diretta, affinché i contenuti possano essere revisionati. Questo in linea con la richiesta del presidente della vigilanza Rai Alberto Barachini, che ha sollecitato un «maggiore controllo del prodotto televisivo».

La reazione di Enrico Lucci

«Non abbiamo invitato Riina o Provenzano in studio. Abbiamo invitato un ragazzetto che fa il cantante neomelodico e ha degli idoli orribili, perché il programma si occupa di fenomeni sul web», queste le parole a La Stampa di Enrico Lucci, conduttore del nuovo programma Rai Realiti.

«Preciso subito che io non sono l’autore del programma e non invito nessuno – dice Lucci -. Il programma parla del grande reality in cui siamo tutti immersi e per questo parliamo di tutto, anche del fenomeno dei cantanti neomelodici siciliani che cantano in napoletano».

Leggi anche: