Il rapper A$AP Rocky arrestato in Svezia, Trump chiama il premier per pagare la cauzione: la gaffe al telefono

Il premier svedese ha rimbalzato la proposta del presidente americano: «In Svezia tutti sono uguali davanti alla legge»

Ancora una gaffe per Donald Trump, dopo quella con il premio Nobel per la pace Nadia Murad, la schiava yazida dell’Isis che aveva denunciato gli abusi sessuali subiti per mano dello Stato Islamico in Iraq, cui Trump aveva chiesto cosa avesse fatto di speciale per ricevere il riconoscimento.

Questa volta il presidente americano ha telefonato al premier svedese Stefan Lofven, offrendosi di pagare la cauzione per la libertà del rapper americano A$AP Rocky, detenuto da inizio mese con l’accusa di aver aggredito un uomo a Stoccolma durante la sua tournee europea. Peccato che il sistema giudiziario svedese non preveda la cauzione, come quello americano.

La telefonata, durata 20 minuti, «è stata amichevole e rispettosa», ha fatto sapere il portavoce del premier svedese, precisando però che Lofven ha «sottolineato la totale indipendenza del sistema giudiziario svedese» e che il «governo non può e non tenterà di influenzare il procedimento legale».

«In Svezia tutti sono uguali davanti alla legge», ha aggiunto. Trump ha detto di essersi interessato al caso su sollecitazione della first lady Melania e di varie celebrità, tra cui Kanye West and Kim Kardashian West, che hanno collaborato con la Casa Bianca anche sulla riforma della giustizia.

Leggi anche: