«Una piazza per Camilleri», dalla Sicilia parte la petizione online

L’idea è della rivista “I Siciliani Giovani” di Riccardo Orioles: la petizione ha raccolto già 41mila firme

Una piazza per Camilleri. È l’idea della rivista “I Siciliani Giovani” (diretta da Riccardo Orioles e che, di fatto, continua l’esperienza de “I Siciliani”, giornale fondato da Pippo Fava, cronista ucciso da Cosa Nostra nel 1984, ndr). La rivista ha lanciato una petizione su Change.org chiedendo a gran voce che ogni città siciliana possa ricordare ora e per sempre il Maestro, il papà del Commissario Montalbano, scomparso il 17 luglio scorso. 

L’idea, che hanno già sposato in 41mila, è che Camilleri possa avere «la sua piazza in cui poter raccontare storie»: «Vorremmo che ogni comune in Sicilia intitolasse a Camilleri una via, una strada, una piazza in quanto ambasciatore della cultura siciliana nel mondo».

Cosa ha fatto Camilleri per la Sicilia

«Camilleri, scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo – spiega in una nota la redazione de “I Siciliani giovani” – è stato nominato nel 2003 Grande ufficiale al merito della Repubblica. Questo permette, a norma dell’articolo 4 della legge n. 1188/1927, di avere una deroga, d’accordo con il Ministero dell’Interno, per l’intitolazione a persone decedute da meno di dieci anni che si siano distinte per particolari benemerenze.

Andrea Camilleri ha contributo in maniera originale e determinante a diffondere la cultura siciliana in Italia e nel mondo: attraverso le sue opere narrative, la sua attività di regia, le sue collaborazioni con radio e teatro, la trasposizione televisiva del Commissario Montalbano, la sua invenzione di un nuovo linguaggio che mescola italiano e dialetto siciliano».

Per firmare la petizione basta cliccare qui.

Leggi anche: