Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Sassuolo, il sindaco propone ai lavoratori licenziati il ricollocamento in Russia. Scontro con la Fiom

Gian Francesco Menani, eletto col supporto di lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, si è giustificato così: «Era solo un’opzione fra tante»

A Sassuolo è scontro tra sindacati e il neo-sindaco Gian Francesco Menani, eletto nelle amministrative di maggio con i voti delle destre unite (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia), per il fallimento della Martinelli Ettore srl, storica azienda nel settore della ceramica, fondata a Sassuolo nel 1953.


Una volta formalizzata la procedura di fallimento dal Tribunale di Modena, che nella città impiega 54 dipendenti, il sindaco – in passato impiegato lui stesso presso un’altra azienda del settore – ha proposto come possibile soluzione la loro ricollocazione a Mosca, in Russia, dove rimane attiva un’altra azienda del gruppo industriale.


I sindacati sono insorti, rimproverando al sindaco di perdersi in dichiarazioni fuori luogo quando la Regione ha già avviato da tempo un percorso di orientamento e formazione per i lavoratori durante un possibile periodo di cassa integrazione.

«In tanti anni di vertenze aziendali una cosa simile non mi era mai capitata – ha commentato alla Gazzetta di Modena il segretario generale della Fiom modenese, Cesare Pizzolla – Ci vuole coraggio a dire a lavoratori che da una vita prendono 1.200-1.500 euro al mese, e fanno fatica ad arrivare con la famiglia a fine mese, che si potrebbero trasferire in Russia».

La versione del sindaco

Ma per il sindaco non è andata esattamente così. Prima di tutto sarebbe stato lui a chiedere alla Regione che fossero attivati gli ammortizzatori sociali. Criticando chi ridicolizza l’emigrazione come soluzione alla disoccupazione – lui stesso dice di aver pensato di emigrare negli Stati Uniti nel 2014 quando la sua azienda fallì – il sindaco ha detto che si trattava soltanto di «una possibilità in mezzo a tante altre».

«Proprio questa mattina – ha aggiunto – ho sollecitato un imprenditore metalmeccanico di Sassuolo, in cerca di personale, ad attingere tra le persone rimaste vittime del fallimento, l’ho fatto nei giorni scorsi e lo farò nei prossimi».

Infine, una stoccata ai sindacati: «Sono rimasto stupito ma non sorpreso del fatto che, a quel tavolo, la Fiom sia stata solamente in grado di formulare accuse alla proprietà, senza avanzare una possibile soluzione: vanno bene le bandiere rosse, ma serve anche concretezza ed è quello che ho cercato di mettere in campo».

Leggi anche: