Sassuolo, il sindaco propone ai lavoratori licenziati il ricollocamento in Russia. Scontro con la Fiom

Gian Francesco Menani, eletto col supporto di lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, si è giustificato così: «Era solo un’opzione fra tante»

A Sassuolo è scontro tra sindacati e il neo-sindaco Gian Francesco Menani, eletto nelle amministrative di maggio con i voti delle destre unite (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia), per il fallimento della Martinelli Ettore srl, storica azienda nel settore della ceramica, fondata a Sassuolo nel 1953.

Una volta formalizzata la procedura di fallimento dal Tribunale di Modena, che nella città impiega 54 dipendenti, il sindaco – in passato impiegato lui stesso presso un’altra azienda del settore – ha proposto come possibile soluzione la loro ricollocazione a Mosca, in Russia, dove rimane attiva un’altra azienda del gruppo industriale.

I sindacati sono insorti, rimproverando al sindaco di perdersi in dichiarazioni fuori luogo quando la Regione ha già avviato da tempo un percorso di orientamento e formazione per i lavoratori durante un possibile periodo di cassa integrazione.

«In tanti anni di vertenze aziendali una cosa simile non mi era mai capitata – ha commentato alla Gazzetta di Modena il segretario generale della Fiom modenese, Cesare Pizzolla – Ci vuole coraggio a dire a lavoratori che da una vita prendono 1.200-1.500 euro al mese, e fanno fatica ad arrivare con la famiglia a fine mese, che si potrebbero trasferire in Russia».

La versione del sindaco

Ma per il sindaco non è andata esattamente così. Prima di tutto sarebbe stato lui a chiedere alla Regione che fossero attivati gli ammortizzatori sociali. Criticando chi ridicolizza l’emigrazione come soluzione alla disoccupazione – lui stesso dice di aver pensato di emigrare negli Stati Uniti nel 2014 quando la sua azienda fallì – il sindaco ha detto che si trattava soltanto di «una possibilità in mezzo a tante altre».

«Proprio questa mattina – ha aggiunto – ho sollecitato un imprenditore metalmeccanico di Sassuolo, in cerca di personale, ad attingere tra le persone rimaste vittime del fallimento, l’ho fatto nei giorni scorsi e lo farò nei prossimi».

Infine, una stoccata ai sindacati: «Sono rimasto stupito ma non sorpreso del fatto che, a quel tavolo, la Fiom sia stata solamente in grado di formulare accuse alla proprietà, senza avanzare una possibile soluzione: vanno bene le bandiere rosse, ma serve anche concretezza ed è quello che ho cercato di mettere in campo».

Leggi anche: