Carabiniere ucciso, secondo colloquio tra Elder e suo padre: silenzio all’uscita da Regina Coeli – Il video

L’uomo aveva visto ieri per la prima volta il giovane in carcere. Come ieri, né all’entrata né all’uscita ha detto una parola

Ethan Elder, il padre di Finnegan Lee Elder, il giovane americano accusato di aver accoltellato il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, è tornato nel carcere di Regina Coeli a Roma per un nuovo colloquio con il figlio. L’uomo aveva visto ieri per la prima volta il giovane in carcere. Come ieri, né all’entrata né all’uscita ha detto una parola.

Secondo La Stampa quei pochi detenuti che parlano inglese, Finnegan Lee Elder avrebbe provato ad allontanare l’immagine da aggressivo che emerge dalla stampa americana e italiana. Il 19enne accusato di aver ucciso con 11 pugnalate il vice brigadiere Mario Cerciello Rega ribadisce in carcere, dice il giornale torinese, di non essere un violento. «Quella sera io e il mio amico Gabriel volevano solo divertirci. Non credevamo potesse finire così».

Leggi anche: