«Vendico l’invasione ispanica del Texas»: il manifesto anti-migranti di Patrick Crusius, il 21enne autore della strage a El Paso

Da parte di alcune fonti che lo hanno indicato come l’autore della strage prima che lo facessero le autorità locali e la polizia viene attribuito a Crusius un manifesto anti migranti. Il documento sarebbe apparso nel forum online 8Chan, lo stesso utilizzato dal suprematista bianco, Brenton Tarrant

Un ragazzo di 21 anni, un profilo Twitter in cui inneggia a Donald Trump e un pensiero fisso: «Vendicare il Texas dall’invasione ispanica». Patrick Crusius è il presunto autore della strage in un centro commerciale di El Paso. È entrato in un negozio della catena Walmart e ha iniziato a sparare con un kalashnikov, provocando almeno 18 morti, alcuni sarebbero bambini.

A lui alcune fonti – le stesse che lo hanno indicato come autore della sparatoria prima che lo facessero le autorità locali e la polizia – hanno attribuito un manifesto anti-migranti dal titolo «La scomoda verità». Nel manifesto – che sarebbe stato pubblicato nel forum online 8Chan, lo stesso utilizzato dal suprematista bianco, Brenton Tarrant – il giovane preannuncia e spiega le ragioni che lo avrebbero spinto ad armarsi e sparare alla folla.

«Sono un sostenitore della strage di Christchurch e del suo manifesto. Questo attacco è una risposta all’invasione ispanica in Texas. Sono stati loro a istigarmi, sto solo difendendo il mio Paese dall’invasione. Questo è il manifesto in cui spiego le ragioni del mio attacco», scrive Crusius nel documento.

Dietro alla decisione del 21enne, ci sarebbero ragioni politiche ed economiche. «L’America è in decomposizione dall’interno. La scomoda verità è che entrambi democratici e repubblicani hanno fallito per anni. Sono entrambi coinvolti in uno dei più grandi tradimenti della storia americana». Tra i due però a fare più danni sarebbe stato il partito democratico perché quello repubblicano «si è opposto all’immigrazione di massa».

Mentre le ragioni economiche hanno a che fare con il problema dell’occupazione che, secondo Crusius, gli ispanici andrebbero a peggiorare in quanto «rubano il lavoro agli americani». In particolare il bersaglio del 21enne non sono gli immigrati di prima generazione che accettano i lavori più umili, ma soprattutto i loro figli, i cosiddetti “dreamers” che vogliono «vivere il sogno americano».

La loro colpa è quella di laurearsi in cerca di un lavoro più qualificato di quello dei loro padri, e questo crea «un mercato del lavoro troppo competitivo per cui gli studenti americani si trovano a svolgere lavori sottopagati».

Inoltre, gli ispanici contribuiscono ad esaurire le risorse naturali a disposizione degli americani. Crusius ammette che il modo di vivere degli americani è sbagliato perché incide troppo sulla sostenibilità del pianeta, ma prendendo atto che «gli americani non sono disposti a cambiare le loro cattive abitudini», diminuire il numero degli abitanti potrebbe in parte risolvere il problema.

«Non ho passato molto tempo a preparare questo attacco. Forse un mese. Ma ho pensato che un attacco preparato male e un manifesto scritto così così sono meglio di niente, meglio dell’inerzia», dice Crusius. Ed è nella parte finale che emerge l’inquietante pensiero del giovane: «Gli immigrati ispanici sono migranti economici, sono disposti a tornare nei loro Paesi. Per farlo hanno bisogno di un incentivo che io, e altri patrioti americani, dobbiamo dare».

«Ho passato tutta la vita a prepararmi per un futuro che non esiste. Presto gli ispanici prenderanno il controllo del mio amato Texas. Ricordatevi una cosa: L’inerzia è una scelta. Non posso più sopportare la vergogna dell’inerzia».

Un pensiero anche all’Europa: «I nostri amici europei non hanno delle leggi sulle armi tali che permettano loro di difendersi da milioni di invasori. Non hanno scelta diversa dal sedersi e guardare i loro Paesi bruciare».

Leggi anche: