Scissione Pd, Salvini su Renzi: «Che pena. Solo un gioco di potere». E Meloni sospetta quale sarà la fine di Conte

Domani, 18 settembre, prima della seduta pomeridiana, si delineerà la formazione del nuovo gruppo autonomo alla Camera

È previsto per oggi, durante la trasmissione di Raiuno, Porta a Porta, l’annuncio del divorzio di Matteo Renzi e di alcuni suoi fedelissimi dal Partito Democratico per formare un gruppo parlamentare autonomo, anche se l’ufficialità è già stata data stamattina sulle pagine di Repubblica e Giornale questa mattina.


E c’è chi tra i suoi oppositori politici ha già commentato l’evento: è il caso di Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia che ha voluto profetizzare con un tweet la fine infausta di Giuseppe Conte. Lui come Enrico Letta vittima di quel “stai sereno” pronunciato da Renzi.

https://twitter.com/GiorgiaMeloni/status/1173862004643303424

Anche l’ex ministro degli Interni Matteo Salvini ha voluto dire la sua. Secondo il leader del Carroccio la mossa di Renzi altro non sarebbe che un gioco di potere per salvare la poltrona.

Domani, 18 settembre, prima della seduta pomeridiana, si delineerà la formazione del nuovo gruppo autonomo alla Camera.

Al Senato, invece, i tempi per presentare nuovi gruppi è scaduto: dovrebbero essere circa dieci i senatori a seguire Matteo Renzi, e confluiranno nel gruppo Misto.

Leggi anche: