Usa, settima vittima da sigaretta elettronica: il governatore della California corre ai ripari

Verrà lanciata una campagna da 20 milioni per mettere in guardia i consumatori rispetto ai pericoli e verrà aumentata la stretta sui prodotti illegali

Un nuovo caso di morte legato all’uso delle sigarette elettroniche negli Stati Uniti. Si tratta di un uomo della California deceduto per una grave insufficienza polmonare, un problema che sta interessando decine di persone e sul quale le agenzie governative sono state chiamate a far chiarezza una volta per tutte.

Bisognerà dunque stabilire se questi decessi siano direttamente collegati con certezza all’uso della sigaretta elettronica, tenendo conto che negli Usa sono circa 10 milioni gli adulti che “svapano” senza aver riportato finora effetti collaterali associabili ai casi su cui si sta provando a far luce.

In California

Intanto Gavin Newsom, governatore della California, ha fatto sapere che lancerà una campagna da 20 milioni di dollari per mettere in guardia i consumatori dai pericoli dell’uso della sigaretta elettronica. L’obiettivo è anche quello di aumentare la stretta sui prodotti illegali e imporre avvertenze più rigide sulle confezioni in commercio.

Sette vittime negli Usa

Non è la prima volta, quindi, che negli Usa si registrino decessi legati alle sigarette elettroniche: i sette casi si sono registrati in Kansas, Illinois, Indiana, Minnesota, Oregon e due, appunto, in California.

Leggi anche: