Alitalia, la doccia fredda di Atlantia al governo: «Se revocate le concessioni autostradali usciamo dal salvataggio»

Con una lettera al Mise, la holding dei Benetton «minaccia» di abbandonare la cordata per il salvataggio della compagnia di bandiera in caso di revoca delle concessioni per Autostrade

La lettera di Atlantia inviata al Mise, a 12 giorni dalla data fissata per presentare le offerte dei soci per il salvataggio di Alitalia, è arrivata come una doccia fredda sul governo. 

La holding dei Benetton ha sollevato diversi dubbi sul piano di rilancio per la compagnia di bandiera italiana. «Nonostante l’indubbio e significativo impatto che il mancato rilancio di Alitalia potrebbe avere sulla controllata Aeroporti di Roma – si legge nella lettera – non sarà per noi possibile aderire all’auspicato consorzio che formulerebbe l’eventuale offerta formale stanti, tra l’altro, le rilevantissime tematiche di contesto tuttora non risolte».

I dubbi di Atlantia sul piano industriale e su Delta Airlines

A sollevare perplessità tra i membri della holding, c’è anche l’analisi del piano di industriale che – secondo Atlantia – consentirebbe «al massimo un rischioso salvataggio con esiti limitati nel tempo ed è ben lungi da costituire una piattaforma di rilancio della compagnia aerea». 

Perché a suscitare malumori in Atlantia c’è anche il ruolo della compagnia statunitense Delta che, in sintesi, viene accusata di voler rilevare le rotte più redditizie tenendo, però, la propria partecipazione non oltre il 10-12%, mentre Atlantia parteciperebbe al capitale di Alitalia con il 35%.

E la holding accusa altresì la compagnia statunitense di non volersi impegnare seriamente sul lungo periodo nel piano di salvataggio della compagnia di bandiera italiana, ad esempio incrementando le rotte transatlantiche.

La «minaccia» sulle concessioni ad Autostrade

Riferendosi a «rilevantissime tematiche di contrasto non risolte», Atlantia punta i riflettori sull’incertezza relativa alla possibile revoca delle concessioni autostradali. Sono recenti, del resto, gli appelli di una parte del governo giallorosso che punta a ritirare tali concessioni a seguito del crollo del Ponte Morandi a Genova. 

«Il permanere di una situazione di incertezza in merito ad Autostrade per l’Italia – si legge ancora nella lettera inviata al Mise – o ancor più l’avvio di un provvedimento di caducazione (ossia la revoca della concessione, ndr), non ci consentirebbero di impegnarci in un’operazione onerosa di complessa gestione ed elevato rischio».

Che fine faranno i lavoratori a rischio?

Il tutto, si legge ancora, «per senso di responsabilità riconducibile sia alle risorse finanziarie necessarie che alla tutela degli interessi dei nostri circa 40 mila azionisti italiani ed esteri, dei circa 31 mila dipendenti del gruppo e di tutti gli stakeholders». 

A questi dubbi, si sommano quelli sul destino dei dipendenti della compagnia: a nessuno è chiaro come si potranno gestire gli esuberi previsti dal nuovo piano industriale, che toccheranno dai 2mila ai 2.500 lavoratori che resteranno senza lavoro.

Sullo stesso tema: