Iran, per le qualificazioni ai Mondiali previste 3500 donne allo stadio: la prima volta dopo la morte di Sahar

Il prossimo 10 ottobre l’Iran incontrerà la Cambogia, una partita valida per l’accesso ai Mondiali del 2020

Sahar Khodayari è morta l’11 settembre dopo essersi data fuoco in protesta contro il divieto del governo iraniano che impediva alle donne di entrare negli stadi di calcio.

Ora, a quasi un mese dalla sua morte la sua battaglia l’ha vinta: perché per la prima volta alle tifose iraniane sarà permesso assistere a una partita dei loro beniamini.

Sono 3.500 le donne e ragazze attese il 10 ottobre allo stadio Azadi di Teheran per assistere alla partita di qualificazione per i mondiali in Qatar tra Iran e Cambogia. Per la prima volta, infatti, le autorità della Repubblica Islamica permetteranno l’ingresso alle donne.

Ansa/Tifose iraniane ai Mondiali di calcio del 2018, in Russia, mentre assistono alla partita tra Iran e Spagna. 20 giugno, 2018

Una notizia che ha fatto esaurire nel giro di pochi minuti i biglietti disponibili. Migliaia le donne che si sono precipitate ai botteghini per acquistare un pezzo di carta che sa di storia. La decisione, che arriva dopo la morte della tifosa Sahar Khodayari, sarà supervisionata attentamente dalla FIFA che ha annunciato che manderà una delegazione a Teheran per monitorare l’accesso delle ragazzo sugli spalti.

Leggi anche: