F1, Ferrari sprecona in Giappone: vince Bottas, Vettel secondo. Per Leclerc solo rimpianti

Decisivi a Suzuka la falsa partenza di Vettel e l’incidente di Leclerc con Verstappen al primo giro

Non è bastato il tifone Hagibis a fermare il Gp del Giappone, non è bastata la prima fila delle Ferrari a impedire alla Mercedes di vincere il Mondiale costruttori: per il sesto anno consecutivo la casa tedesca conquista il titolo di squadra, grazie al primo posto di Valtteri Bottas e il terzo di Lewis Hamilton. Peccato per una gara che, alla vigilia, sembrava essere in pugno al Cavallino.

Maledetta partenza

Un’incertezza fatale di Sebastian Vettel che lascia il freno prima che i semafori si spegnessero. Deve fermarsi e ripartire, lo fa in una frazione di secondo, ma tanto basta a Bottas per superare le due Ferrari che partivano in prima e seconda posizione. Ma il suicidio vero avviene pochi metri più avanti: un contatto tra Charles Leclerc, attaccato da Max Verstappen, costringe il giovane francese a rientrare ai box e ripartire dall’ultima posizione. Il pilota della Red Bull si ritirerà, invece, qualche giro più tardi.

Titolo alla Mercedes

La rimonta di Leclerc si ferma in sesta posizione. Salgono sul podio Bottas, Vettel, Hamilton, seguiti da Alexander Albon e un incredibile Carlos Sainz. La Mercedes conquista così il suo sesto titolo costruttori consecutivo, eguagliando le superbe prestazioni della Ferrari all’epoca di Jean Todt e Michael Schumacher. La rossa, adesso, dovrà ripartire da queste cinque pole conquistate negli ultimi cinque Gp per ricostruire la prossima stagione.

Sullo stesso tema: