Quota 100, Conte: «Non si tocca, questo è l’indirizzo politico»

Non passa la linea del partito di Renzi: «Il provvedimento rimane – assicura il premier -. Vogliamo rivedere le misure ma conservarle»

A rassicurare tutti ci pensa il premier Conte. Quota 100, fortemente voluta dal precedente governo, rimane e non si tocca. Il M5s ha fatto valere le sue ragioni: l’idea di rallentare le pensioni anticipate per ottenere un taglio più efficace del cuneo fiscale non è passata, nonostante la posizione del partito di Renzi.

«Quota 100 (provvedimento fortemente voluto dalla Lega di Matteo Salvini che consiste nel pensionamento con 62 anni anagrafici e 38 di contributi di marca, ndr) rimane, questo è l’indirizzo politico», a dirlo è il premier Giuseppe Conte che poi, però, precisa: «Vogliamo rivedere le misure ma conservarle».

«È evidente che l’esecutivo non potrebbe mai sostenere un aumento delle tasse e men che meno un altro colpo ai pensionati con l’abrogazione di Quota 100. Non è neanche immaginabile mettere i pensionati contro i lavoratori, sostenendo che bisognerebbe creare esodati per ridurre il cuneo fiscale. Abbiamo la responsabilità di unire il paese e non di dividerlo. Da questi principi sono certo che troveremo una quadra con il Pd» aveva detto il capo dei grillini Luigi Di Maio.

Fonte Video: Agenzia Vista | Alexander Jakhnagiev

Leggi anche: