M5s in crisi: «persa l’identità». Beppe Grillo pronto a partire per Roma

Sono ore di caos e resa dei conti nel Movimento. E nel mirino c’è proprio il capo politico Luigi Di Maio, la cui leadership sta rivelando tutta la sua debolezza

Tutti lo invocano: nel M5S, nel Pd e anche a Palazzo Chigi. E così Beppe Grillo, dopo settimane di silenzio, è pronto a battere un colpo. Il garante del M5s è atteso a Roma nelle prossime ore.


Troppo il caos che regna nel Movimento, troppo debole la leadership di Luigi Di Maio in questa fase, soprattutto dopo il verdetto di Rousseau (il 70,6% ha scelto il «no») che ha sconfessato la linea del ministro degli Esteri a proposito della partecipazione alle Regionali.

I grillini sembrano ormai essere tutti contro tutti: «Si è persa l’identità». E nel mirino c’è proprio il capo politico. Al punto che, la prossima settimana, se non dovesse accadere nulla nelle prossime ore, è pronto a partire dal gruppo M5s in Senato un documento che mette in discussione la leadership di Di Maio. O che almeno ne limita le funzioni. Sono ore di caos e resa dei conti.