Gli effetti del coronavirus sull’economia: Hyundai ferma gli impianti

L’azienda chiuderà 5 impianti, almeno fino al 10-11 febbraio per carenza di componenti dalla Cina

Hyundai Motor e la controllata Kia Motors hanno sospeso alcune linee di assemblaggio per la carenza di componenti dalla Cina a causa del Coronavirus. L’azienda ha fermato la produzione del brand Genesis all’impianto n.5 di Ulsan, in Corea del Sud.

Azienda e sindacati hanno concordato la chiusura progressiva degli altri 4 impianti entro venerdì, giorno in cui si fermeranno altre due strutture, a Jeonju e Asan. Lo stop resterà fino al 10-11 febbraio, sempre che la società i procuri i pezzi necessari per la cablatura da produttori locali.

Intanto la Banca centrale cinese ha immesso nel sistema bancario liquidità per 400 miliardi di yuan, pari a circa 57 miliardi di dollari, all’indomani di un intervento da 1.200 miliardi. La mossa vuole dare «liquidità ragionevole e sufficiente» ai mercati, sotto stress per il nuovo coronavirus.

Leggi anche: