Coronavirus, altre 79 persone contagiate a bordo della Diamond Princess: i casi salgono a 621

Sono stati registrati i primi due casi sospetti in Iran. C’è allarme per una coppia di giapponesi risultata positiva al virus dopo una vacanza alle Hawaii

Sale a 621 il numero delle persone contagiate da Coronavirus a bordo della Diamond Princess, la nave ferma da giorni in Giappone. Altre 79 persone sono risultate positive. Proprio questa mattina è iniziato lo sbarco dei passeggeri sani dalla nave.

È partito nella notte da Ciampino l’aereo con i medici a bordo che eseguiranno lo screening sugli italiani a bordo della nave. I passeggeri che risulteranno negativi verranno poi riportati in Italia dove dovranno comunque passare almeno 14 giorni in quarantena.

Due persone positive in Giappone dopo vacanza a Hawaii

C’è allarme per una coppia di giapponesi risultata positiva al virus dopo una vacanza alle Hawaii. La compagnia aerea americana con la quale hanno viaggiato, la Delta Airlines, ha già allertato i passeggeri che hanno volato con la coppia, mentre le autorità hawaiane stanno cercando di rintracciare tutte le persone che possono essere entrate in contatto con loro.

Primi casi sospetti in Iran

In Iran, nella provincia nordoccidentale di Qom, sono stati registrati i primi due casi sospetti. I pazienti sono risultati positivi a un primo test e verranno sottoposti nelle prossime ore a un ulteriore esame per confermare la diagnosi.

Il bilancio

Il numero di morti da coronavirus sale a 2mila. Tra le vittime anche un uomo di 70 anni, deceduto a Hong Kong. È la seconda vittima nella regione dall’inizio dell’epidemia.

L’uomo ha avuto un rapido deterioramento delle condizioni di salute fino al decesso di questa mattina, 19 febbraio. Parallelamente, è iniziato lo sbarco delle persone sane attualmente a bordo della nave da crociera Diamond Princess. Sulla nave 540 persone sono risultate positive al coronavirus e, tra questi, vi è anche un italiano.

I contagi nel mondo superano i 75mila casi. In Corea del Sud sono stati confermati 15 nuovi casi: in totale sono 46 le persone contagiate nel Paese asiatico. Undici dei nuovi contagiati provengono dalla città meridionale di Daegu e hanno tutti avuto contatti con una malata di 61 anni.

Tuttavia, per la prima volta dall’inizio dell’epidemia, il numero di persone dimesse dagli ospedali supera quello dei nuovi contagiati. Secondo i dati riportati dalla commissione sanitaria nazionale cinese i dimessi ieri, 18 febbraio, sono stati 1.824, mentre i nuovi casi 1.749.

Leggi anche: