La guida di Open al monopattino elettrico: regole e consigli per evitare le sanzioni – Il video

I monopattini elettrici hanno “invaso” le nostre strade. Impossibile resistere alla tentazione di provarli. Ma come funzionano? E soprattutto quali regole bisogna rispettare per evitare le multe? Ve lo spieghiamo noi

Leggeri e facili da guidare. Hanno invaso le nostre strade costringendo il governo a correre subito ai ripari. Prima nella legge di bilancio che ha paragonato i monopattini elettrici alle bici e ora con un emendamento al decreto Milleproroghe, già approvato alla Camera.

Sono i monopattini elettrici e si tratta dei mezzi ideali per percorrere l’ultimo miglio, ovvero quel tratto di strada che separa l’ultima fermata del mezzo pubblico dal luogo in cui si vuole andare.

Noi di Open abbiamo testato un monopattino elettrico a Milano.

Velocità massima: 25 km/h

Anzitutto la velocità massima: 25 km/h «quando circolano sulla carreggiata», 6 km/h sulle aree pedonali. I monopattini possono circolare in tutto il territorio nazionale sulle strade urbane che hanno il limite di velocità fino a 50 km/h e nelle ciclabilidelle strade extraurbane (quindi strade provinciali e statali).

«Nessuna limitazione a zone 30 km/h o alle sole ciclabili, salvo sulle strade extraurbane» ha spiegato il senatore di Italia Viva Eugenio Comincini, padre di questa rivoluzione normativa. Vietata la circolazione sulle strade statali e provinciali, salvo nell’eventuale pista ciclabile a lato di tali strade.

Vietato ai minori di 14 anni

Vietato l’utilizzo per i minori di 14 anni mentre diventa obbligatorio l’uso del caschetto fino a 18 anni. Non è possibile portare a bordo animali, oggetti o altre persone, quindi rimane proibito l’utilizzo del monopattino in coppia: a Milano quindi niente traversate romantiche guardando la Darsena.

Obbligatorie le luci e il gilet

Da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutta la notte e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione, i monopattini «sprovvisti o mancanti di luce anteriore bianca o gialla fissa e posteriormente di catadiottri rossi e di luce rossa fissa, utili alla segnalazione visiva, non possono essere utilizzati, ma solamente condotti o trasportati a mano». In caso di trasgressione le multe vanno da 100 a 400 euro.

Obbligatorio anche l’uso del «giubbotto o delle bretelle retroriflettenti ad alta visibilità da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione». In questo caso le sanzioni vanno da 50 a 200 euro.

Potenza massima consentita 500 W, altrimenti si rischia una multa da 100 a 400 euro.

Sanzioni fino a 800 euro, confisca e distruzione del veicolo

«Chiunque circola con un veicolo atipico per il quale non sono state ancora definite le caratteristiche tecniche e funzionali è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 200 a 800 euro. Alla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della confisca del veicolo. Si procede in ogni caso alla sua distruzione».

Si può portare in metropolitana

Perfetto anche per la metropolitana: basta piegarlo, chiuderlo e portarlo con sé. O almeno. Va tutto bene fino a quando non lo si solleva, visto che molti modelli pesano più di 10 Kg.

Video di copertina: Fabio Giuffrida e Valerio Berra

Leggi anche: