Lombardia blindata: chiusi i bar dalle 18 alle 6 di mattino per evitare nuovi contagi di coronavirus

Il numero di persone che hanno contratto il virus nella regione è arrivato a 112

Nel piano per arginare la diffusione del Coronavirus in Lombardia sono inclusi anche i locali pubblici, soprattutto quelli aperti alla sera. Una decisione che arriva dopo l’aumento dei casi di contagio nella regione. Nell’ordinanza firmata dal governatore Attilio Fontana si legge: «Bar, locali notturni e qualsiasi altro esercizio di intrattenimento aperto al pubblico sono chiusi dalle ore 18.00 alle ore 6.00; verranno definite misure per evitare assembramenti in tali locali».

Queste misure fanno riferimento a quella che è stata definita la “zona gialla”, ossia quella fuori dai 10 comuni dove ci sono stati più casi di contagio che invece risultano completamente isolati. Il numero di casi registrati nella regione è 112, con due vittime: una donna del Lodigiano e una deceduta a Crema.

Questo provvedimento arriva dopo la chiusura delle università, delle scuole e la sospensione degli eventi sportivi e culturali. Nessuna notizia ancora sulla chiusura dei negozi, anche se Fontana ha spiegato: «Oggi come oggi riteniamo non sia necessario chiudere i negozi e crediamo che non si arriverà a prendere in considerazione questa ipotesi».

Leggi anche: