Primarie Usa 2020, è il turno della Carolina del Sud. Biden punta alla rimonta prima del Super Tuesday

L’ex vicepresidente americano è in vantaggio nei sondaggi, seguito da Bernie Sanders e – a sorpresa – da Tom Steyer

È arrivato quarto in Iowa, quinto in New Hampshire e secondo, a sorpresa, in Nevada, ma ben distante dal vincitore Bernie Sanders. Adesso, nella Carolina del Sud, potrebbe essere arrivato finalmente il momento per Joe Biden di conquistare il gradino più alto del podio e rilanciare la sua campagna per le primarie democratiche prima del Super-Tuesday, con gli occhi sempre puntati sulle elezioni presidenziali di novembre. I candidati in palio sono 59, di più rispetto ai tre appuntamenti precedenti, ma pochi rispetto ai 1.537 in palio il 3 marzo. «Vincerò la Carolina del Sud», aveva proclamato Biden durante il dibattito di martedì nella città di Charleston. Alla vigilia del voto i sondaggi sembrano dargli ragione. L’ex vicepresidente degli Stati Uniti – «amico di Obama» come ama ripetere per strizzare l’occhio alla comunità afroamericana – gode di vantaggio sostanziale, che va dai quindici ai venti punti percentuali, a seconda dei sondaggi, rispetto al secondo classificato, Bernie Sanders.


Real Clear Politics – I sondaggi alla vigilia del voto

Seguono, dopo il Senatore del Vermont, attualmente al primo posto nella gara dem per le presidenziali, Tom Steyer, di cui fino ad oggi si è parlato poco e che attualmente ha visto il podio soltanto con un binocolo. Sessantadue anni, ex-finanziare (gestiva un hedge fun che lo ha reso molto ricco: con Mike Bloomberg è l’unico altro candidato dem che autofinanzia la propria campagna elettorale) Steyer ha investito molto nello Stato (si parla di ben $17 milioni soltanto in pubblicità sulle televisioni locali). La sua scommessa è la stessa di Biden: piazzarsi bene prima del Super-Tuesday, soprattutto in uno stato considerato più rappresentativo rispetto all’Iowa o al New Hampshire. La Carolina del Sud infatti è il primo Stato in cui si vota in cui la maggioranza dell’elettorato democratico è afroamericana.

Come e quando si vota

Nella Carolina del Sud, come in New Hampshire, non è un caucus ma una “semplice” elezione dove gli elettori Dem potranno votare direttamente per il loro candidato a scrutinio segreto. I seggi aprono alle 7 di mattino orario locale – quindi verso le 14 orario europeo – e rimangono aperti fino alle 19 di sera, quando in Italia sarà già il 1 marzo. Nel frattempo il partito repubblicano ha cancellato le primarie nello Stato, un altro favore a Donald Trump, favorito nella gara contro il suo sfidante Bill Weld. Nelle elezioni presidenziali del 2016 Trump vinse con il 54,9% nello Stato considerato una roccaforte repubblicana. Nelle ultime 14 elezioni infatti i repubblicani hanno vinto nella Carolina del Sud per ben 13 volte.

Leggi anche: