Coronavirus, lo scrittore cileno Luis Sepúlveda è stato contagiato. È ricoverato in isolamento

Anche sua moglie, 66 anni, è positiva al tampone. Sono 73 i casi di coronavirus confermati in Spagna

Era da poco tornato da una settimana in Portogallo, a Póvoa da Varzim, per partecipare al festival letterario “Correntes d’Escritas”. Arrivato a Gijon, città dove vive con sua moglie, Luis Sepúlveda ha cominciato ad avvertire sintomi simil-influenzali: era martedì 25 febbraio. Solo dopo due giorni lui e la moglie hanno contattato un medico.

La situazione si è aggravata e lo scrittore cileno è stato ricoverato al Central University Hospital of Asturias con una polmonite acuta. Il 70enne è risultato positivo al test diagnostico del Coronavirus. Anche la moglie di 66 anni si trova nell’ospedale di Oviedo: le sue condizioni sono migliori, ma entrambi si trovano in stanze isolate.

Oggi, Domenica 1 marzo, il capo del Centro di coordinamento delle emergenze Fernando Simón ha confermato che sono 73 i casi di coronavirus confermati in Spagna. Secondo i dati in possesso alle autorità di Madrid, il 90% dei casi risulta “importato” o legato a persone arrivate in Spagna dall’estero.

Il parere degli esperti

Leggi anche: