Coronavirus, in Canada l’arte del distanziamento: i dipinti di Van Gogh si ammirano in versione drive-in

La mostra “Immersive Van Gogh” permette di godere delle opere direttamente dalla propria auto. Nasce a Toronto il drive-in dell’arte: «A causa del Covid abbiamo dovuto pensare in modo creativo»

Lo scorso marzo, Bologna sarebbe dovuta diventare la casa degli impressionisti con le tele di Monet, Manet, Renoir e Degas arrivate in prestito dal Musée Marmottan di Parigi. Ma la pandemia da Coronavirus ha rimandato tutto ad agosto. Si è fermata anche l’arte. E ora, mentre i musei provano a ripartire facendo rispettare, tra un dipinto e l’altro, la distanza di sicurezza, in Canada c’è chi ha pensato a un approccio alternativo per far tornare i cittadini a godere dell’arte e della cultura.

A Toronto è nato il drive-in dell’arte, un vero e proprio cinema in cui è possibile ammirare i dipinti di Van Gogh. «A causa del Covid abbiamo dovuto pensare in modo creativo», ha detto Corey Ross, un coproduttore della mostra, ritardata a causa dell’epidemia. E allora in un enorme magazzino della città canadese è stata allestita un’esposizione attraverso la proiezione delle opere su muri e pavimenti. È possibile guidare direttamente all’interno dell’edificio per ammirare girasoli e notti stellate, comodamente dal proprio sedile.

L’evento, intitolato Immersive Van Gogh, è ospitato all’interno di un palazzo a cinque piani. «Le luci si spengono e inizia la proiezione», ha detto a CBC Ross. «Sarà quasi come se l’auto fluttuasse attraverso i dipinti».

Leggi anche: