Bielorussia: decine di migliaia di persone di nuovo in piazza contro Lukashenko e la sua rielezione

Secondo l’opposizione le persone in strada sarebbero più di 100mila. Intanto è stato ritrovato appeso a un albero il corpo del 28enne Nikita Kryutsou, scomparso lo scorso 12 agosto dopo aver protestato pacificamente

Un mare di persone si è riversato, di nuovo, nelle strade della capitale bielorussa Minsk e in tutto il resto del Paese, per chiedere le dimissioni del presidente Alexander Lukashenko a due settimane dal contestato risultato delle elezioni che gli è valso il suo sesto mandato presidenziale. Da 26 anni il potere, il leader bielorusso avrebbe vinto, secondo i risultati diffusi dal governo ma non suffragati da alcuna conferma indipendente e messi in dubbio dall’opposizione (e non solo), nella sfida contro la candidata dell’opposizione Svetlana Tkhanovskaya, che si trova ora in Lituania.

Neanche l’Unione europea ha riconosciuto il risultato delle urne. E oggi, per la seconda domenica consecutiva, i cittadini si sono radunati a decine di migliaia – 100mila secondo i canali dell’opposizione – per chiedere che Lukashenko lasci la poltrona. Il presidente dal canto suo è apparso in mimetica a Grodno, vicino al confine polacco, dove l’esercito è stato messo in stato di allerta, chiamando i suoi alla «difesa della nazione».

E denunciando, come aveva già fatto domenica scorsa, l’azione di forze e ingerenze «straniere» nel suo Paese e pressioni da parte delle forze Nato, obbligando l’Alleanza atlantica, come già la settimana scorsa, a smentire di aver concentrato truppe al confine bielorusso.

Dopo le brutali repressioni dei primi giorni di protesta, con torture e detenzioni arbitrarie e almeno 7mila arresti, ieri è stato ritrovato appeso a un albero il corpo del 28enne Nikita Kryutsou, scomparso lo scorso 12 agosto. Kryutsou aveva mostrato una bandiera rossa e bianca – simbolo dell’indipendenza bielorussa – davanti alle forze di polizia.

In copertina EPA/TATYANA ZENKOVICH | Una protesta contro i risultati delle presidenziali a Minsk, Bielorussia, 23 agosto 2020.

Leggi anche: