Coronavirus, l’ospedale di Treviso replica ai negazionisti mostrando i reparti pieni di terapia intensiva – Il video

La testimonianza di un paziente di 38 anni: «Sono qui dentro da 15 giorni e sto soltanto cercando di salvarmi la vita. Se vi dicono che il Covid non esiste, non credeteci»

«Ho 38 anni, sono qui dentro da 15 giorni, non so cosa stia succedendo fuori perché non ho telefono né pc e sto soltanto cercando di salvarmi la vita. Se vi dicono che il Coronavirus non esiste, non credeteci per nessuna ragione, è un’esperienza che non auguro a nessuno». Sono le parole di un paziente dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso, raccolte in un video di 6 minuti prodotto dall’azienda sanitaria Ulss 2 della città veneta, per replicare a un video negazionista diffuso sui social network i cui autori, sottolinea l’azienda, saranno querelati così come coloro che lo hanno condiviso. Il filmato incriminato mostrava una persona che, attraversando i corridoi del pronto soccorso, tentava di insinuare l’inesistenza dell’epidemia. Ecco perché i sanitari hanno deciso di rispondere con una testimonianza diretta di ciò che avviene ogni giorno all’interno dei reparti di terapia intensiva.


Video: YouTube / Azienda ULSS2 – Marca trevigiana

Leggi anche: