Maradona tradito da cuore e polmoni. Sarà sepolto oggi a Bella Vista

di Redazione

Secondo i primi risultati dell’autopsia sul campione argentino, la sua morte è stata causata da un edema acuto

La salma di Diego Armando Maradona sarà sepolta oggi, 26 novembre, nel cimitero Jardin de Bella Vista. Nello stesso luogo sono stati sepolti in passato sua madre Tota, morta nel 2011, e suo padre Diego, deceduto nel 2015. Il Giardino è un cimitero privato immerso nel verde, a 35 chilometri da Buenos Aires, creato negli anni Ottanta.


Centinaia di migliaia di persone si stanno recando presso la Casa Rosada di Buenos Aires, il palazzo presidenziale argentino, dove è stata allestita la camera ardente

I risultati preliminari dell’autopsia

I risultati preliminari dell’autopsia sul campione argentino, morto ieri 25 novembre a 60 anni, confermano il decesso per «un’insufficienza cardiaca acuta, in un paziente con una miocardiopatia dilatata, insufficienza cardiaca congestizia cronica che ha generato un edema acuto del polmone». A dirlo sono i medici dell”ospedale di San Fernando, in provincia di Buenos Aires, che ieri sera hanno svolto i primi esami. L’operazione è durata circa tre ore, riportano i media argentini, con la partecipazione di cinque medici convocati dall’Ufficio del Pm di San Isidro. A loro si è aggiunto un sesto medico indicato dalla famiglia.

L’accertamento delle cause della morte di Maradona si completerà nel giro di una settimana, quando arriveranno i risultati delle analisi tossicologiche che potranno chiarire se e quali farmaci o altre sostanze ha ingerito prima di morire. Maradona era stato operato di recente al cervello ed era sottoposto a una terapia che lo costringeva ad assumere una grande quantità di medicinali.

Leggi anche:

Redazione