Schiarita in Ue sul Recovery Fund. La Polonia annuncia: «Trovato un compromesso con Ungheria e Germania»

Il vice premier Jaroslaw Gowin: «Credo che l’accordo possa essere esteso agli altri Stati membri» entro la fine del Consiglio europeo, l’11 dicembre

Polonia e Ungheria hanno trovato un compromesso con la Germania per sbloccare il Recovery Fund e il bilancio Ue 2021-2027, finora tenuti in ostaggio dalla minaccia di veto di Varsavia e Budapest, contrarie a vincolare l’erogazione dei fondi al rispetto dello stato di diritto. A dirlo è il vice premier polacco Jaroslaw Gowin citato dall’agenzia Bloomberg. «Per ora abbiamo un accordo tra Varsavia, Budapest e Berlino. Credo che l’accordo possa essere esteso agli altri Stati membri» entro la fine del Consiglio europeo, l’11 dicembre, ha detto Gowin ai giornalisti.


«L’accordo è possibile»

«L’accordo è possibile a condizione che saranno soddisfatte le aspettative polacche. L’intenzione del governo polacco è quella di arrivare a un compromesso», ha aggiunto Konrad Szymański, ministro per i rapporti con l’Unione europea, nel Consiglio dei ministri guidato dal premier Mateusz Morawiecki. Secondo Szymanski, «la presidenza tedesca ha dato ragione all’esecutivo polacco e ha modificato il contenuto del provvedimento» che riguarda il meccanismo di condizionalità sullo stato di diritto.

Leggi anche: