Scuola, i dubbi dei presidi: «Difficile ripartire il 7 gennaio». Gli appelli per vaccinare subito i docenti

di Redazione

A nove giorni dalla data indicata per la riapertura, le criticità restano. La ministra De Micheli: «Dobbiamo farci trovare pronti». Il coordinatore del Cts Miozzo: «Ci sono ostacoli, ma possono essere superati»

«La ripresa del 7 gennaio, soprattutto per quanto riguarda le scuole superiori, presenta diverse criticità». I presidi, attraverso le parole del numero uno dell’associazione nazionale Antonello Giannelli, frenano sulla riapertura delle aule scolastiche, a nove giorni dalla data indicata per la ripartenza. Il problema principale riguarda la «mancata o insufficiente riorganizzazione dei trasporti che sta costringendo i prefetti a chiedere alle scuole di effettuare dei turni di entrata in orari scaglionati molto impegnativi». In particolare, far uscire da scuola i ragazzi alle 15 o alle 16, soprattutto per studenti pendolari, «comporterà un rientro a casa in orari che causeranno difficoltà sia alle famiglie che allo studio domestico».


Le criticità del rientro secondo i presidi

Anche il personale scolastico potrebbe subire le conseguenze negative di questa turnazione, nota Giannelli: «Si pensi a docenti di istituti tecnici o professionali il cui orario di lezione potrebbe iniziare alle 8 per terminare alle 16». I presidi, poi, chiedono una «maggiore gradualità nell’incremento della percentuale di studenti in presenza: solo una settimana al 50% è un tempo troppo limitato che non consentirà alle scuole di riorganizzare, per l’ennesima volta, l’orario».

Il ministero dell’Istruzione: «Il 50% in presenza? Nessuna deroga»

Dal ministero dell’Istruzione, su questo punto, le indicazioni sono chiare. Con una nota agli Uffici scolastici regionali, il capo dipartimento del ministero Marco Bruschi ha inviato oggi l’ordinanza del ministro della Salute del 24 dicembre scorso che rimodula la partecipazione delle didattica in presenza alle superiori al 50% sino al 15 gennaio. Con un commento annesso: «Ricordo che si tratta di disposizioni non derogabili», scrive il capo dipartimento del ministero.

ANSA/ANGELO CARCONI | La ministra dei Trasporti Paola De Micheli

Dal dicastero dei Trasporti, la ministra Paola De Micheli da parte sua chiarisce: «Tutti i modelli organizzativi devono essere pronti perché le scuole secondarie possano aprire in presenza al 75%», anche se il ministro della Salute Roberto Speranza «ha fatto un’ordinanza di natura sanitaria, che non ha a che vedere con i modelli organizzativi, e ha deciso per ragioni sanitarie che dal 7 al 15 la presenza sarà al 50%». «Quanto ai trasporti la presenza resterà al 50%», ha detto De Micheli.

Miozzo: «La scuola non è a rischio»

Sul rientro a scuola il 7 gennaio, si registra anche l’intervento del coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts) Agostino Miozzo, che cita un recente studio del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie: «Un documento illuminante che ha studiato l’evoluzione della pandemia nell’ambito scolastico in tutti i paesi dell’Ue – spiega Miozzo – e dice che la scuola non è un ambito a rischio, i rischi di diffusione della pandemia sono assolutamente irrilevanti». Per Miozzo non ci sono «problemi insormontabili per la riapertura. Ci sono difficoltà organizzative in alcune zone, come i trasporti e l’impiego del personale in orari eccedenti a quelli previsti, ma sono aspetti che possono essere risolti, e c’è tutta la volontà di risolverli».

La Cisl chiede di vaccinare i prof impegnati alla Maturità

In questo quadro, si inserisce infine la richiesta da parte della Cisl di vaccinare contro il Covid-19 i professori impegnati nell’esame di Maturità: «Nel piano delle vaccinazioni bisogna da dare priorità innanzitutto ai docenti che devono fare gli esami di Stato, per garantire che l’esame di maturità sia in presenza. Bisogna programmarlo da subito», ha detto Maddalena Gissi, che guida la Cisl Scuola. «Abbiamo visto con dispiacere che tra gli esami di Stato dello scorso anno e quelli di quest’anno c’è un investimento di 9,5 milioni in meno per le sanificazioni e la gestione dell’esame in presenza. Si tratta di un depotenziamento».

Sulla stessa lunghezza d’onda Elvira Serafini, segretario dello Snals: «I docenti, il personale Ata e il mondo della scuola si trovano in trincea: hanno un contatto continuo con una platea vasta che, tornando poi a casa, porta a passeggio il virus. Consideriamo tutto il mondo dell’istruzione a rischio e adoperiamoci per permettere subito a questi lavoratori di vaccinarsi: in primavera è troppo tardi».

Leggi anche:

Redazione