Lì dove tutto è cominciato: a Wuhan migliaia di persone in strada per il conto alla rovescia per il 2021

Mascherine ma niente distanziamento. A pochi minuti dalla mezzanotte, ecco le immagini dell’attesa del nuovo anno nella provincia focolaio della pandemia che ha sconvolto il mondo

Anche lì dove tutto sembra essere cominciato, quella Wuhan divenuta famosa in tutto il mondo come focolaio iniziale di quella che sarebbe poi diventata la pandemia di Coronavirus, un evento che ha cambiato e sta continuando a cambiare il mondo, si attende la fine di questo difficile 2020. Queste immagini live dell’agenzia britannica Reuters mostrano la popolazione della cittadina di Wuhan, città cinese di più di 11 milioni di abitanti, scendere in piazza e per le strade per il conto alla rovescia, dire addio al 2020 e salutare il nuovo anno: quello in cui tutto il mondo spera di sconfiggere Sars Cov-2. Tantissime persone, tutte con la mascherina, vicine. Un anno dopo, la vita a Wuhan sta tornando alla normalità. Da maggio la capitale della provincia dell’Hubei non registra nuovi casi di contagio a trasmissione locale. Quasi mezzo milione di residenti ha avuto l’infezione da Covid-19, 10 volte i 50mila casi ufficialmente registrati di contagio.


Come è cominciata

Era il 30 dicembre del 2019 quando Li Wenliang, il medico eroe poi morto a febbraio che per primo lanciò l’allarme, parlava in chat con i suoi specializzandi di una misteriosa malattia che all’epoca aveva colpito 7 pazienti. «Che sia di nuovo la Sars?». Da lì per il medico comincia un incubo con le autorità, che lo accusano della diffusione dell’informazione. Il 31 dicembre la polizia spiega di aver dato il via a delle indagini su 8 persone che stavano diffondendo “notizie false” sulla malattia. Ma allo stesso tempo, esattamente un anno fa, la commissione salute di Wuhan dava l’annuncio di 27 casi di polmonite dalla causa sconosciuta ma non preoccupanti.

In copertina EPA/ROMAN PILIPEY | Persone con e senza mascherina durante un concerto a Wuhan, China, 30 dicembre 2020.

Leggi anche: