Usa, dallo stop alle esecuzioni federali al ritiro del Muslim ban: così Biden aprirà i suoi giorni alla Casa Bianca

di Cristin Cappelletti

Biden inizierà con uno sprint di 10 giorni per ribaltare alcune delle decisioni simbolo dei quattro anni della presidenza Trump. Il neopresidente firmerà una dozzina di ordini esecutivi sulle questioni migranti, pandemia ed esecuzioni

Tra poche ore il neopresidente eletto degli Stati Uniti si insedierà ufficialmente alla Casa Bianca. Joe Biden giurerà il 20 gennaio davanti al Congresso in quella che sarà una cerimonia super blindata. Il Pentagono, dopo i fatti di Capitol Hill dello scorso 6 gennaio, ha approvato il dispiegamento di 25mila truppe della guardia nazionale. Un numero elevato, e inusuale, anche per un evento così importante come il giuramento di un nuovo presidente.


A partire da domani – mercoledì 20 gennaio – Biden inizierà con uno sprint di 10 giorni per ribaltare alcune delle decisioni simbolo dei quattro anni della presidenza di Donald Trump. Come fatto dal suo predecessore nel 2016, Biden firmerà una dozzina di ordini esecutivi, ha rivelato il capo dello staff della Casa Bianca, Ron Klain, in un documento fatto trapelare dai media americani.


A sette giorni dal suo insediamento, nel gennaio 2017, Trump aveva firmato il Muslim Ban, impedendo ai cittadini di sette Paesi a maggioranza musulmana di visitare gli Stati Uniti fino a un massimo di 90 giorni. Biden ha quindi intenzione di rescindere il divieto che in questi anni ha colpito Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria, e Yemen.

Migranti, pandemia ed esecuzioni

E proprio sull’immigrazione lo staff di Biden avrebbe già pronto un piano da presentare al Congresso – a maggioranza democratica – per regolarizzare l’accesso alla cittadinanza americana per 11 milioni di migranti che vivono negli Stati Uniti. Nel mirino della presidenza democratica c’è ovviamente anche la gestione della pandemia da Coronavirus.

Come è stato annunciato nei giorni scorsi Biden ha pronto un piano economico da 1.900 mila miliardi di dollari come stimolo all’economia. Nel suo primo giorno alla Casa Bianca, Joe Biden intende invece firmare un ordine esecutivo per rendere obbligatorio l’uso di mascherine in proprietà federali e per viaggi interstatali. Rompendo con l’amministrazione Trump, Biden intende anche fermare le esecuzioni federali, ripristinate dal presidente uscente dopo una pausa di 17 anni.

A livello internazionale, la presidenza guidata da Joe Biden vuole far rientrare gli Stati Uniti negli accordi sul clima di Parigi. Ma, a differenza di quanto anticipato nei giorni scorsi, nel documento diffuso da Klain non c’è ancora un rientro formale di Washington nell’Organizzazione mondiale della Sanità, da cui gli Stati Uniti si erano sfilati durante i primi mesi della pandemia.

Una politica bipartisan

«Questi ordini esecutivi porteranno sollievo ai milioni di americani che stanno soffrendo a causa di queste crisi», ha scritto Klain nel documento. «Il presidente eletto Joe Biden agirà fin da subito non solo per ribaltare i gravi danni dell’amministrazione Trump ma anche per aiutare il nostro Paese ad andare avanti». Ma, mentre Biden ha promesso che la sua presidenza sarà un ritorno a una politica bipartisan, molti democratici a lui vicini l’hanno invitato a non esitare nel far libero uso del potere esecutivo.

L’incognita dell’impeachment al Senato

Nonostante l’appoggio arrivato da molti repubblicani, soprattutto dopo l’assalto al Congresso, sono ancora molti i membri del GOP che non hanno ancora riconosciuto il risultato dell’elezione. Anche se entrambe le Camere sono in mano ai democratici, soprattutto al Senato la maggioranza risicata potrebbe potare a situazioni di stallo politico. «Biden non può permettere che il suo programma venga dirottato da persone che hanno un’agenda diversa», ha detto al Washington Post il deputato James Clyburn, alleato del presidente dem e consigliere anche di Barack Obama.

La camera Alta del Congresso, riconquistata dai democratici dopo più di 15 anni, sarà al centro della politica americana proprio nei primi giorni della presidenza Biden. Il procedimento di impeachment contro Donald Trump, già approvato alla Camera, dovrà ora passare al Senato e potrebbe trascinarsi per mesi. «È importante che il Senato porti avanti i suoi doveri costituzionali», ha detto Klain alla Cnn ribadendo come il Senato dovrà riuscire a bilanciare anche le azioni urgenti di cui il Paese ha bisogno.

Leggi anche: