Verso Tokyo 2020, parte da Fuskushima la staffetta della fiamma olimpica – Il video

La torcia olimpica inizia il suo viaggio tra le 47 prefetture del Giappone, nonostante le limitazioni e i timori dettati dalla pandemia

A un anno esatto dal rinvio dei Giochi, la fiaccola olimpica inizia il suo viaggio in Giappone. Seppure in una cerimonia più sobria a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia da Coronavirus, le Olimpiadi di Tokyo 2020 ripartono da Fukushima, dove è stato costruito il villaggio olimpico, il J-Village.


Il viaggio della torcia olimpica

«Che la fiamma porti una luce di speranza al termine di un momento oscuro», ha detto la presidente del comitato organizzato Seiko Hashimoto, durante l’inaugurazione della struttura, simbolo della rinascita dopo il disastro nucleare della città avvenuto 10 anni fa. Nel giro di quattro mesi, la torcia olimpica raggiungerà tutte le 47 prefetture dell’arcipelago giapponese, coinvolgendo circa 10mila tedofori che contribuiranno a portare la fiamma allo Stadio Olimpico di Tokyo entro l’inizio dei Giochi, il prossimo 23 luglio. La staffetta è iniziata con alcune calciatrici della nazionale femminile di calcio giapponese, vincitrici della Coppa del mondo nel 2011.

Il timore della pandemia

L’emergenza sanitaria che sta investendo anche il Giappone, sfiducia i cittadini rispetto allo svolgimento dei Giochi. Nell’ultimo sondaggio condotto dall’agenzia Kyodo, infatti, solo il 23 per cento si è detto favorevole all’organizzazione della rassegna, mentre il 39,8 per cento opterebbe addirittura per una sua cancellazione. La stessa cerimonia di avvio della staffetta ha visto diverse limitazioni. Le autorità locali hanno chiesto al pubblico di evitare gli assembramenti durante il tragitto dei tedofori, che saranno sottoposti a regole stringenti sui controlli medici. La linea rientra nella decisione presa lo scorso 20 marzo, che vedranno le Olimpiadi svolgersi senza la presenza di spettatori provenienti dall’estero.

Video: Twitter/@Tokyo2020

Leggi anche: