Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La corsa dei ragazzi sui vaccini, Figliuolo esulta: «Doppia dose per oltre il 60% degli over 12»

Si allarga la copertura vaccinale sui più giovani quando manca circa un mese all’inizio della scuola. La risposta degli over 12 continua a crescere, ora l’obiettivo di raggiungere l’80% entro fine settembre è più a portata di mano

Obiettivo raggiunto. In Italia il 60% della popolazione over 12, ossia 32.404.909 persone, ha completato il ciclo vaccinale contro il Coronavirus. Il generale Figliuolo, che guida la struttura commissariale straordinaria anti-Covid, ha definito il traguardo «importante», sottolineando come questi dati confermino «la validità del piano vaccini» e siano il risultato di un lavoro in «sinergia tra Regioni/Province autonome, enti pubblici e privati, Protezione Civile, Difesa e il mondo delle associazioni di volontariato». Secondo il generale si tratta di un «risultato che rappresenta una tappa importante verso l’immunità di comunità, che è prevista entro la fine di settembre, con il completamento del ciclo vaccinale da parte dell’80% della platea da vaccinare».


Figliuolo: «Da fine agosto in arrivo altre dosi Pfizer»

Insomma, il lavoro non è ancora finito e c’è ancora molto da fare. Difatti «la campagna vaccinale procede con continuità – spiega Figliuolo – con una media superiore alle 500 mila somministrazioni al giorno e potrà contare sulla disponibilità di ulteriori dosi di vaccino Pfizer a partire dalla terza settimana di agosto». Il generale, nella nota ufficiale, ha rimarcato che tali forniture aggiuntive «sono state chieste e ottenute nel corso di colloqui tra il premier Mario Draghi e la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, centrati sulla disponibilità dei vaccini e alla ridistribuzione tra Paesi Ue». 


Speranza: «Dati che ci fanno guardare con fiducia al futuro»

Alla luce dei dati comunicati dalla struttura commissariale per l’emergenza Covid, il ministro della Salute, Roberto Speranza, in un post su Facebook ha commentato che il dato rappresenta un «primo importante risultato che ci consente di guardare con maggiore fiducia al futuro», sottolineando come di debba «continuare su questa strada perché è proprio con i vaccini che possiamo proteggere meglio noi stessi e gli altri». Il ministro della Salute ha infine ringraziato «tutte le donne e gli uomini del Servizio Sanitario Nazionale che hanno lavorato duramente a questo obiettivo».

Foto in copertina: ANSA / Gianluigi Basilietti

Leggi anche: