Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Serve il piombo, devi crepare», anche Di Maio minacciato dai No vax: la furia in chat dopo l’assalto al gazebo M5s

Dopo aver sostenuto con forza la campagna vaccinale, il ministro degli Esteri è stato vittima di messaggi violenti e minacce: «Lo impalerei in pubblica piazza» e «Ti vedremo presto anche a te con il cappio al collo», si legge su alcune chat Telegram

Dopo le minacce all’infettivologo Matteo Bassetti e l’aggressione a un giornalista videomaker a Roma, arrivano le intimidazioni al ministro degli Esteri Luigi Di Maio. «Un altro infame da giustiziare», «É necessario il piombo», «Devi crepare», queste le minacce fatte dai No vax e dai No Green pass e apparse su alcune chat Telegram. A scatenare quest’odio sono state le dichiarazioni del ministro a favore della campagna vaccinale. Proprio in questi giorni Di Maio aveva sottolineato come «non solo tutto l’arco politico deve condannare le violenze che stiamo vedendo da parte di sedicenti No vax, che stanno manifestando con forme inaccettabili. Ma faccio anche un appello a tutte le forze politiche: non bisogna soffiare sul fuoco». «Non bisogna lasciar pensare a qualcuno che si può permettere di utilizzare violenza, minacciare medici, professori universitari che si battono per le campagne vaccinali. Si è arrivati all’assurdo ed è meglio che, come panorama politico, blocchiamo questa degenerazione e diciamo parole chiare», aveva aggiunto.


Messaggi violenti e minacce su Telegram

La reazione dei No vax e dei No Green pass non si è fatta attendere. Con tanto di messaggi violenti e minacce: «Lo impalerei in pubblica piazza», «Ti veniamo a prendere», «Ti vedremo presto anche a te con il cappio al collo», si legge. C’è chi sostiene, infine, che la soluzione sia quella di «procurare attentati dislocati nei luoghi di potere, in simultanea». Una situazione che, dunque, si fa sempre più rovente, un’escalation di violenze che ha mostrato il suo peggio anche quando, nel corso di una manifestazione dei No Green pass, è stato preso d’assalto, distruggendolo, un gazebo del M5s in Darsena a Milano. Oggi pomeriggio, per denunciare questa situazione, i giornalisti videomaker dell’associazione GVPress scenderanno in piazza al Pantheon (Roma). L’appuntamento è alle 19.


L’assalto al gazebo del M5s a Milano da parte dei No Green pass

Foto in copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Continua a leggere su Open

Leggi anche: